Ora il mostro è il "blizzard" siberiano, ma intanto è la bora a fare i danni veri

Da domani sarà di nuovo allerta neve fino a venerdì. Intanto il forte vento ha causato decine di interventi dei vigili del fuoco. Vittima "illustre" la statua del Toro del Carnevale

La protezione civile del Veneto ha dichiarato lo stato di attenzione per nevicate sull'intero territorio regionale, per la giornata di domani fino alla mattinata di venerdì 10 febbraio. Le nevicate saranno sparse sulla pianura nord-orientale e diffuse su quella centro-occidentale. Si segnala che il clima particolarmente rigido, anche dopo l'evento nevoso, favorirà la formazione e la persistenza di ghiaccio. È stato anche dichiarato lo stato di attenzione per vento forte su tutta la regione, dalla serata di giovedì 9 fino all'intera giornata di sabato 11 febbraio.

PERICOLO GHIACCIO - In considerazione della prevista formazione di ghiaccio in caso di caduta di neve, gli enti gestori delle infrastrutture stradali e ferroviarie dovranno assumere ogni iniziativa per garantire la funzionalità e la sicurezza della viabilità. È richiesta la piena operatività delle componenti del Sistema di protezione civile che si attiveranno secondo quanto previsto dai rispettivi Piani, dichiarando, qualora rilevassero particolari criticità, lo stato di allarme.

IL VERO PROBLEMA E' LA BORA - Se in queste ore il gelo ha concesso una pausa, è il vento di bora a causare i maggiori problemi. Da martedì sera soffia forte da nord ovest, con raffiche che sul Monte Verena (Vicenza), a 2mila 200 metri di quota, hanno raggiunto i 114 chilometri orari (31,7 metri/secondo). Forte bora anche a Venezia dove, secondo i dati delle centraline dell'Arpav, sono stati toccati gli 81 chilometri orari di punta massima.

DECINE DI INTERVENTI DEI VIGILI DEL FUOCO - Nella città lagunare, e in tutto il Litorale, i vigili del fuoco hanno eseguito decine di interventi per camini e cornicioni pericolanti. Il vento è stato la causa dell'affondamento di due gondole ieri notte, staccatesi dagli ormeggi allo stazio di San Moisè, vicino agli hotel Bauer e Europa&Regina. Le barche sono state recuperate questa mattina.

IL TORO E' STATO "MATATO" DAL VENTO - Vittima della bora anche il grande Toro in legno e canne di palude che simboleggia il Carnevale 2012, che era posto in Punta della Dogana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, crollo a Ca' Pesaro

  • Ristoratore arrestato: spacciava droga

  • Ciclista travolto e ucciso da un'auto

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

  • Auto in fosso: morto un 38enne, una donna estratta viva

Torna su
VeneziaToday è in caricamento