Mara Venier chiude la porta a Berlusconi: "Politica, cosa seria"

La conduttrice tv ha spiegato di aver declinato quasi subito la proposta dell'ex premier di correre come candidata sindaco alle Amministrative

Ormai i giochi sono fatti, ma chi si ricorda della proposta che fece Silvio Berlusconi qualche mese fa quando affermò che secondo dei sondaggi sarebbe stata Mara Venier il candidato ideale per conquistare Ca' Farsetti? A metà tra boutade e proposta seria, la conduttrice televisiva veneziana si era detta lusingata delle parole dell'ex premier. Lasciando aperta una porticina per un eventuale sua corsa alle Amministrative di maggio. Tutto poi, come spesso accade, è finito nel dimenticatoio. A mettere la parola fine definitiva sulla vicenda è stata proprio Mara Venier, intervistata giovedì dal programma di Radio2 "Un Giorno da Pecora".

"Gli ho risposto quasi subito - ha detto ai conduttori -. L'ho ringraziato, sono stata lusingata dalla sua proposta, ma gli ho detto che non ero assolutamente in grado, la politica è una cosa seria". La proposta di Berlusconi arrivò durante la cena di compleanno di Alfonso Signorini, a Milano: "Berlusconi mi aveva detto che prima di pensare a me aveva fatto dei sondaggi, la mia candidatura era una cosa che aveva già in mente", ha concluso il personaggio tv.

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

  • 5 consigli per favorire il benessere intestinale

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento