La marcia per il clima a Mestre

Oggi il secondo "sciopero globale" dei fridays for future: centinaia di studenti con striscioni e cartelli tra le strade della città

È il secondo appuntamento globale di "fridays for future", con studenti radunati in tutto il mondo per chiedere ai governi misure drastiche a favore dell'ambiente. A Mestre sono partiti verso le 8.30 da piazzale Cialdini, con striscioni, cartelli e indumenti verdi. Hanno percorso le strade della città e bloccato a tratti il traffico: «Conosciamo i responsabili della crisi climatica - dicono - e faremo tutto quello che possiamo per costringere colpevoli e istituzioni ad agire di conseguenza e a invertire la rotta».

Manifestazione a Mestre

La marcia si snoda lungo le vie principali: corso del Popolo, stazione ferroviaria e poi via Piave. All'altezza dell'incrocio tra corso del Popolo e via Rampa Cavalcavia gli studenti si sono seduti a terra, accompagnati dal suono di una sirena che crea una sorta di atmosfera apocalittica. L'azienda di trasporto pubblico Actv ha avvertito gli utenti della possibilità di ritardi e deviazioni degli autobus lungo quelle direttive. Più tardi i manifestanti sono arrivati nel parco dell'ex ospedale Umberto I.

«Più verde in città»

Il movimento è nato per contrastare l'inquinamento e il surriscaldamento determinati dal sistema produttivo moderno. «Anche le amministrazioni locali devono occuparsi della questione climatica - spiega il gruppo Fridays for future Venezia Mestre -. La nostra città ha bisogno di spazi verdi e pubblici, basta cementificazione. Oggi abbiamo bloccato il cavalcavia della Vempa, arteria fondamentale tra Mestre, Venezia e Marghera, come azione simbolica di sensibilizzazione». Le iniziative continuano con un'assemblea pubblica venerdì 31 maggio alle 16 in campo santa Margherita e con il "Climate camp" al Lido.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'adesione

 «Finalmente possiamo e dobbiamo superare la logica che contrapponeva ambiente e lavoro - dice Daniele Giordano della Funzione Pubblica Cgil - per dire che noi ci siamo e vogliamo essere dietro di loro a sostenerli in questo cambiamento. Il nostro compito come sindacato - conclude Giordano - è anche quello di portare i temi ambientali dentro alla contrattazione, nei luoghi di lavoro, nel rapporto con gli enti locali e tutte le pubbliche amministrazioni, affinché si mettano al centro scelte politiche e negoziali che rispondano realmente al cambiamento che i giovani stanno chiedendo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • Moda e calzature in ginocchio

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento