Marito e moglie spacciatori, lui era ai domiciliari: arrestati

La polizia ha bloccato un giro di spaccio di eroina a Marghera. A segnalarlo, i residenti

Il materiale sequestrato

Da giorni continuavano ad arrivare segnalazioni da parte dei residenti che lamentavano un presunto giro di spaccio vicino alle loro case. Gli agenti hanno aumentato i controlli in zona e sono riusciti ad arrestare due pusher, marito e moglie di 28 e 30 anni. 

Il marito ai domiciliari, lei incontra i clienti

Dopo un paio d’ore dall’inizio dell’appostamento, a Marghera, una giovane donna è uscita dal palazzo e si è diretta verso un ragazzo di circa 20 anni, che l’aspettava in sella ad una bici. I due hanno effettuato uno scambio, la donna ha dato al ragazzo un involucro e ha ricevuto del denaro, poi è risalita a casa. Visto lo scambio, i poliziotti sono intervenuti: un equipaggio ha fermato il ragazzo, che ha consegnato la sostanza appena acquistata, dicendo di averla comprata per 40 euro da una ragazza a poche decine di metri di distanza. I poliziotti che si trovavano appostati davanti alla casa, insieme ad un equipaggio in divisa del commissariato di Marghera, a questo punto sono andati a casa della donna ed hanno effettuato una perquisizione, insieme agli agenti della polizia municipale e al loro cane antidroga Kuma.

I sequestri

Nel comodino della camera da letto sono stati trovati 200 grammi di eroina, un bilancino di precisione e 680 euro oltre a due telefoni cellulari; la donna aveva con sé ancora 2,5 grammi di eroina. In case c'era anche il marito, agli arresti domiciliari, scontava una pena per spaccio. I due sono stati arrestati. L’uomo è stato trasferito in carcere e la compagna è agli arresti domiciliari.

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

  • 5 consigli per favorire il benessere intestinale

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento