Trovato morto in ostello, disposta l'autopsia

La procura ha disposto l'esame sul corpo di Matteo Voltolina, trovato senza vita sabato mattina a Mestre

Matteo Voltolina

Sarà eseguita mercoledì l'autopsia sul corpo di Matteo Voltolina, il 38enne di Venezia che sabato mattina è stato trovato morto all'interno della sua stanza nell'ostello Anda Venice di Mestre, dove aveva trascorso la notte. Il dramma è stato scoperto dal personale dell'hotel, che non riusciva a mettersi in contatto con lui. 

Voltolina, figlio di uno dei fondatori dell'Antica Murrina Veneziana, storico marchio di accessori e gioielli in vetro artistico, era molto conosciuto in laguna. Negli ultimi tempi il 38enne era tornato a vivere a casa della madre in centro storico dopo la fine della relazione con la ex compagna. La notte tra venerdì e sabato l'ha, però, trascorsa in terraferma, soggiornando per una notte nell'ostello vicino alla stazione dei treni. 

Il personale dell'albergo non ha notato niente di strano in lui la sera prima della morte. Voltolina era rientrato da solo in camera per andare a dormire e il mattino successivo avrebbe dovuto fare il check out. I dipendenti lo hanno trovato riverso sul pavimento, in pigiama, quando ormai non c'era più niente da fare. I carabinieri hanno eseguito un sopralluogo e sequestrato dei farmaci che sono stati trovati nella stanza. Da un primo esame del medico legale sembra che il 38enne possa essere stato stroncato da un malore, ma si dovranno attendere gli esiti dell'autopsia per comprendere cosa sia accaduto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i dati aggiornati

  • Aumentano i casi positivi al coronavirus: aggiornamenti

  • L'ordinanza del ministero della Salute e del presidente della Regione Veneto

  • Coronavirus, inizia la settimana più lunga: gli aggiornamenti

  • Hanno partecipato al Carnevale di Venezia: scatta la quarantena nel Salernitano

  • Se si avvicina alla ex arriva la polizia: primo braccialetto elettronico per stalking a Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento