menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

"Ho pensato di morire": parla Maurizio Zampieri, l'uomo rapinato a Vigonovo

Il 71enne di Tombelle lunedì sera è stato aggredito nel suo giardino per poi essere trascinato in casa: "Stavo per perdere i sensi. Uno di loro mi tappava bocca e naso con un guanto da lavoro"

Maurizio Zampieri, rapinato lunedì

"Ho avuto paura di morire". E' ancora scosso Maurizio Zampieri, il 71enne di Tombelle di Vigonovo che nella tarda serata di lunedì è stato aggredito nel giardino della sua villetta e rapinato da quattro o cinque malviventi travisati da dei passamontagna neri. "Ho avuto paura specialmente quando mi trovavo fuori (prima di essere trascinato in casa e legato, ndr). Se non mi difendevo potevo morire soffocato, stavo per perdere i sensi - spiega il pensionato, ex modellista di scarpe - Uno di loro infatti mi tappava la bocca e il naso con addosso dei guanti da lavoro. Forse non si era accorto che non mi lasciava respirare".

Poi l'incubo è continuato in casa: il 71enne è stato legato con delle fascette di plastica ai polsi e alle caviglie, per poi essere lasciato disteso a terra. L'obiettivo era uno solo: la cassaforte. Come a inizio maggio, lì vicino, a Galta di Vigonovo, quando un 75enne era stato aggredito in casa da due malviventi, pistola in pugno, senza che di cassette di sicurezza ci fosse neanche l'ombra. Anche nel caso di lunedì sera ai malviventi è andata male. Maurizio Zampieri, infatti, ha fatto molta fatica a convincerli che nella sua abitazione non c'era nulla da rubare. All'inizio è stato pure schiaffeggiato da uno della batteria, che voleva rendere "più convincenti" le proprie richieste.

Poi anche ai malviventi è stato chiaro che avevano evidentemente sbagliato obiettivo. Hanno posizionato un ventilatore vicino al derubato, per evitargli conseguenze più gravi per la salute, e si sono impossessati di 400 euro in contanti trovati in casa e nella sua auto. Dopodiché se ne sono andati. Con un bottino ben poco "soddisfacente" rispetto al tipo di colpo "eclatante" messo in atto.

 

RAPINA A TOMBELLE DI VIGONOVO

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      E' stata la volpe. Il responso degli esami sugli animali morti: "Ci sono solo ferite da morso"

    • Cronaca

      Nuovo raid all'oasi di Spinea, ritorno nella notte per "finire il lavoro". Altri animali uccisi

    • Cronaca

      Allarme bomba all'aeroporto di Venezia, ma erano delle canne da pesca

    • Cronaca

      Oltre cento animali massacrati all'oasi di Spinea, in corso indagini dei carabinieri

    Torna su