homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

"Ho pensato di morire": parla Maurizio Zampieri, l'uomo rapinato a Vigonovo

Il 71enne di Tombelle lunedì sera è stato aggredito nel suo giardino per poi essere trascinato in casa: "Stavo per perdere i sensi. Uno di loro mi tappava bocca e naso con un guanto da lavoro"

Maurizio Zampieri, rapinato lunedì

"Ho avuto paura di morire". E' ancora scosso Maurizio Zampieri, il 71enne di Tombelle di Vigonovo che nella tarda serata di lunedì è stato aggredito nel giardino della sua villetta e rapinato da quattro o cinque malviventi travisati da dei passamontagna neri. "Ho avuto paura specialmente quando mi trovavo fuori (prima di essere trascinato in casa e legato, ndr). Se non mi difendevo potevo morire soffocato, stavo per perdere i sensi - spiega il pensionato, ex modellista di scarpe - Uno di loro infatti mi tappava la bocca e il naso con addosso dei guanti da lavoro. Forse non si era accorto che non mi lasciava respirare".

Poi l'incubo è continuato in casa: il 71enne è stato legato con delle fascette di plastica ai polsi e alle caviglie, per poi essere lasciato disteso a terra. L'obiettivo era uno solo: la cassaforte. Come a inizio maggio, lì vicino, a Galta di Vigonovo, quando un 75enne era stato aggredito in casa da due malviventi, pistola in pugno, senza che di cassette di sicurezza ci fosse neanche l'ombra. Anche nel caso di lunedì sera ai malviventi è andata male. Maurizio Zampieri, infatti, ha fatto molta fatica a convincerli che nella sua abitazione non c'era nulla da rubare. All'inizio è stato pure schiaffeggiato da uno della batteria, che voleva rendere "più convincenti" le proprie richieste.

Poi anche ai malviventi è stato chiaro che avevano evidentemente sbagliato obiettivo. Hanno posizionato un ventilatore vicino al derubato, per evitargli conseguenze più gravi per la salute, e si sono impossessati di 400 euro in contanti trovati in casa e nella sua auto. Dopodiché se ne sono andati. Con un bottino ben poco "soddisfacente" rispetto al tipo di colpo "eclatante" messo in atto.

 

RAPINA A TOMBELLE DI VIGONOVO

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Tragedia sul lavoro nel cantiere dell'aeroporto, operaio cade da oltre 2 metri e muore

    • Incidenti stradali

      Sbanda con la sua Kawasaki e si schianta: perde la vita 58enne di Camponogara

    • Sport

      Buona la prima per mister Inzaghi, il Venezia batte il Forlì all'esordio al Penzo

    • Eventi

      Cresce l'attesa per le Frecce Tricolori a Jesolo, sabato le prove nel cielo veneziano

    I più letti della settimana

    • Degrado no-stop: un'altra donna fa pipì all'aperto a Venezia, turisti in tenda ai Tolentini

    • Parole sessiste all'indirizzo della cameriera, il gestore del locale caccia cliente e sei ospiti

    • Panico all'imbarcadero: estrae un coltello e aggredisce un uomo, denunciato

    • Stavolta il turista non la passa liscia: “beccato” a farsi il bagno a San Marco, multato

    • Battono la testa sul ponte mentre ammirano le bellezze della Riviera, due feriti gravi

    • Non vuole pagare il biglietto, donna sferra un pugno al volto del controllore Atvo

    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento