Caduta in bici sulla strada dissestata: fratture e ferite, ma l'assicurazione non risarcisce

Disavventura per un anziano di Meolo, il quale si è visto rigettare parte delle richieste. La compagnia del Comune propone di liquidare solo il 25% delle spese, che sono state elevate

Cade dalla bici sulla strada dissestata, frana sull’asfalto e si frattura di tutto. Ma per l’assicurazione la colpa non è del Comune, e così l'anziano ha deciso di far causa. Protagonista del caso un settantatreenne di Meolo che ora si è affidato a Studio 3A, società specializzata nella valutazione di responsabilità. Il fatto è successo il 21 giugno 2017: M. L. stava percorrendo via Fantinelli in sella alla sua bicicletta quando, a un certo punto, è incappato in una sconnessione stradale. Risultato: è caduto a terra, battendo la testa e procurandosi parecchie ferite sul lato sinistro del volto e del torace.

Conseguenze gravi

Soccorso da un residente, è stato trasportato in ambulanza all’ospedale di San Donà, dove i sanitari gli hanno riscontrato lesioni rilevanti: trauma cranio facciale con ferita allo zigomo, frattura scomposta del complesso orbito-malare-zigomatico sinistro, colpo di frusta, trauma toracico con frattura di due costole, trauma vertebrale con frattura del corpo della dodicesima vertebra dorsale. La prognosi: trenta giorni salvo complicazioni. Ma i problemi sono proseguiti per mesi con visite specialistiche ed esami, oltre a un periodo di riposo e la riabilitazione. Alla fine il medico legale ha quantificato una invalidità permanente nell’ordine dei 20 punti. Un danno che nel complesso vale alcune decine di migliaia di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La causa

A quel punto è stato chiesto un risarcimento al Comune di Meolo, ma le cose non sono andate come l'anziano sperava. Il liquidatore della compagnia assicurativa del Comune parla di “presunta insidia”, ritiene che la condotta dell’anziano non sia stata irreprensibile ed è disposto a risarcirlo solo nella misura di un 25%: insomma, quella sconnessione era prevedibile. Studio 3A ha giudicato la proposta irricevibile, tanto che l'uomo ha deciso di citare in causa il Comune di Meolo e la compagnia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Auto cappottata al casello Mestre-Villabona

  • «I pusher nigeriani si sono impadroniti di Marghera, gang pericolosissima»

  • Pestaggio nella notte a Jesolo, uomo in ospedale lotta tra la vita e la morte

Torna su
VeneziaToday è in caricamento