Meteo Venezia: protezione civile in allerta per sabato e domenica

Il weekend si preannuncia piovoso, con temporali e rovesci in tutto il Veneto, e le autorità si stanno preparando in caso di problemi e imprevisti

È stato emanato oggi alle 14 da Regione del Veneto – Centro Funzionale Decentrato - lo stato di attenzione e di pre-allarme a livello locale in vista del maltempo previsto in regione per questo fine settimana e valido dalle 20 di sabato alla stessa ora di domenica. Quando viene emanato lo stato di preallarme, scattano le procedure previste dai piani comunali, che obbligano le amministrazioni locali a porre in atto le procedure di allerta dovute a conclamate criticità o particolari sofferenze idrogeologiche ed idrauliche. Oltre ai servizi posti in atto dai Comuni, è sempre attivo il servizio di reperibilità della protezione civile della Provincia per coordinare le emergenze che eventualmente dovessero presentarsi nel territorio.

LE PREVISIONI - Tra la sera di sabato e il pomeriggio di domenica sono previste precipitazioni su tutto il Veneto. In prevalenza si tratterà di rovesci e temporali anche intensi. Generalmente la maggior parte delle precipitazioni saranno concentrate tra la sera di sabato e il primo mattino di domenica, o anche in intervalli minori in occasione dei temporali più intensi.

VOLONTARI PRONTI - L'assessore provinciale alla Protezione civile Giuseppe Canali ha così commentato lo stato di allerta: “Per quanto riguarda la Provincia il compito è di assicurare che l’avviso di rischio maltempo sia inoltrato alle associazioni di volontariato - mentre la Regione provvede all’inoltro agli altri enti locali, nonché attivare, in caso di particolari criticità, le competenti organizzazioni di volontariato, verificandone l’adeguatezza delle dotazioni di mezzi e materiali. In queste occasioni ci viene richiesta la piena operatività, anche se spesso non è facile prevedere esattamente le zone in cui si possono manifestare fenomeni temporaleschi violenti o di altra tipologia, come ad esempio grandinate e trombe d’aria. Di recente comunque il personale del servizio protezione civile provinciale ha esposto nel corso di alcuni incontri svoltisi nelle varie zone del nostro territorio le procedure e gli organismi da attivare in situazioni di preallarme, allarme ed emergenza. Abbiamo illustrato agli amministratori locali le novità in materia di sicurezza per i volontari di protezione civile e le attività formative svolte dalla Provincia di Venezia. Grazie a fondi messi a disposizione dalla Regione, per esempio, stiamo formando in materia di sicurezza ben 700 volontari di protezione civile sui 2300 della provincia, e siamo pronti a sostenere i comuni con un contributo per formare altri 1.500 volontari che mancano”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PENSARE AL FUTURO - Anche la presidente della Provincia Francesca Zaccariotto ha commentato la situazione: “L’attenzione al problema maltempo e rischi collegati, come si può ben capire dalle azioni previste, va mantenuta alta e costante, per questo gli incontri sono stati realizzati anche in relazione all'imminente stagione autunnale. Dobbiamo fare il possibile affinché ognuno abbia chiaro il proprio compito, per garantire un intervento coordinato, pronto ed efficace, senza sovrapposizioni operative. Abbiamo anche voluto sensibilizzare gli amministratori locali – conclude Zaccariotto - circa l’importanza di un percorso di formazione specifica per i volontari di protezione civile in materia di prevenzione e sicurezza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

  • Ricoveri stabili, ma continuano i decessi: i dati aggiornati sul Covid-19

Torna su
VeneziaToday è in caricamento