Michelle calza la Riviera del Brenta Scarpe da Vigonovo a Washington

La "Agostini shoes" ha prodotto le calzature che la First Lady indosserà in occasione di un ricevimento alla Casa Bianca. È la seconda volta

Michelle Obama con Barack Obama

Da Vigonovo direttamente alla Casa Bianca di Washington, ai piedi della first Lady Michelle Obama. È il nuovo paio di scarpe prodotto dall'azienda di qualità "Agostini shoes" di Vigonovo che la moglie del presidente degli Stati Uniti Barack Obama indosserà tra qualche giorno in occasione di un ricevimento.

LO STILE "VENEZIANO". Quello della first lady è un vero e proprio amore per la moda italiana e lo "stile veneziano": non è la prima volta, infatti, che l'industria della Riviera del Brenta, che produce calzature di altissima qualità dal 1962 e che conta attualmente quindici dipendenti, è stata scelta dall'inquilina della Casa Bianca. Lo scorso anno, ad esempio, Michelle Obama indossò un paio di scarpe fatte a mano e realizzate con 200 perle. Per questa occasione, invece, le calzature create saranno un modello da sera con i tacchi a spillo e punta a spillo, realizzate in pelle e laminate in color oro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

Torna su
VeneziaToday è in caricamento