Ritrovata la studentessa scomparsa: si era messa in viaggio per andare in Puglia

Ieri mattina i genitori si sono accorti che la ragazza, minorenne del Veneziano, non era andata a scuola e hanno dato l'allarme

Polizia ferroviaria

Non era andata a scuola ieri mattina e non risultava rintracciabile perché non aveva con sé il suo cellulare. I genitori, realizzato quanto accaduto, hanno dato l'allarme e la polizia ha attivato le ricerche della studentessa minorenne, una ragazza del Veneziano. 

I dettagli

La giovane, che frequenta le scuole superiori, era solita prendere il treno per raggiungere l’istituto scolastico dalla sua città di residenza. Ma martedì mattina non è stato così. I genitori preoccupati e incapaci di contattare in altri modi la figlia, hanno segnalato il fatto prima alla questura di Venezia e poi, recandosi in stazione a Mestre nel tentativo di individuare la figlia, nell’ipotesi che avesse marinato la scuola e stesse rientrando a casa dopo l’orario scolastico, hanno chiesto aiuto agli agenti della polizia ferroviaria, già informata del fatto, fornendo loro ulteriori dettagli utilissimi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le telecamere

È scattato così il piano per il rintraccio. L’esame delle telecamere di sorveglianza di alcune stazioni ferroviarie e altri particolari raccolti hanno rafforzato l’ipotesi che la ragazza si fosse allontanata dalla provincia di Venezia in treno per raggiungere degli amici residenti nel sud Italia. Sono stati allertati tutti gli uffici di polizia ferroviaria presenti sul direttrice Venezia – Bologna – Bari, e contattato il personale ferroviario in servizio su treni diretti a sud. Verso le 18 la giovane è stata segnalata su un treno diretto Puglia. Il tempestivo intervento della polfer hapermesso di rintracciare la giovane che, dopo aver confermato l’identità, è stata ospitata negli uffici di polizia in attesa dell’arrivo dei genitori. Alla base del gesto non ci sarebbe stato alcun problema particolare, se non la ferma volontà della ragazza di far visita ai suoi amici, malgrado il diniego dei genitori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Ubriaco, picchia una ragazza e i carabinieri: neutralizzato con 2 dosi di sedativo

  • Lite finisce nel sangue: 37enne accoltella l'ex suocero

  • Peggiora il meteo: arrivano forti temporali e grandine

Torna su
VeneziaToday è in caricamento