Molestata e colpita mentre è in vacanza a Roma: aggressore in manette

L'episodio risale al primo maggio. La vittima una 35enne di Portogruaro

Era stata prima "agganciata" da un maniaco all'uscita dell'ostello di Roma dove era alloggiata, poi molestata. L'episodio risale allo scorso primo maggio, la vittima dell'aggressione una studentessa 35enne di Portogruaro, in vacanza nella Capitale. Per il molestatore, un bengalese di 24 anni, sono scattate le manette e la custodia in carcere.

Le indagini

Sono stati i carabinieri della stazione Roma Macao a raccogliere chiari indizi di colpevolezza dell'uomo. Le immagini di videosorveglianza parlano chiaro: la donna, dopo essere stata molestata, è riuscita a divincolarsi dal maniaco, allontanandosi lungo via Vicenza. Il malintenzionato non avrebbe però digerito il rifiuto della giovane, ecco perché l'ha inseguita, raggiunta e colpita con violenza tale da stordirla. Prima di darsi alla fuga. L'identikit fornito dalla vittima ai militari, incrociato con le telecamere della zona, ha poi permesso di chiudere il cerchio sull'identità dell'uomo, consegnandolo alla giustizia.

Stesso copione

Dopo l'aggressione, la portogruarese è stata condotta al policlinico Umberto I per essere sottoposta alle cure del caso. Il cittadino bengalese, ora ristretto nel carcere di Regina Coeli, non è nuovo a questo tipo di molestie e aggressioni. Nell'aprile del 2017, infatti, fu riconosciuto colpevole di un'altra aggressione a sfondo sessuale, ai danni di una ragazza all'epoca 21enne. Anche in quella circostanza, dopo aver incassato il rifiuto, l'uomo avrebbe aggredito la giovane.

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

  • 5 consigli per favorire il benessere intestinale

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento