Cerca di mordere a più riprese gli agenti, 24enne in manette

L'episodio è avvenuto ieri in via Rizzardi a Marghera. Prognosi di 6 giorni per un agente della polizia locale di Venezia

Continuano le attività antidroga della polizia locale in tutte le aree sensibili della terraferma veneziana. Nel tardo pomeriggio di ieri, verso le 18.30, gli uomini del Nucleo operativo hanno arrestato un 24enne di cittadinanza nigeriana, E.P., per il reato di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

L'episodio

L'episodio è avvenuto nei pressi di un'abitazione disabitata in via Rizzardi 37 a Marghera, stabile noto per essere frequentato da sbandati e spacciatori. Gli agenti avevano notato la presenza dell'uomo mentre stava scavalcando la recinzione esterna dell'immobile. Dopo avergli intimato di fermarsi, il 24enne si è dato alla fuga verso il sottopasso ciclopedonale. Gli agenti lo hanno rincorso fino a raggiungerlo. E.P. ha quindi opposto resistenza ai pubblici ufficiali intervenuti, tra cui un agente della guardia di finanza arrivato a supporto. Il fuggitivo ha tentato ripetutamente di mordere gli operatori prima di essere definitivamente ammanettato. Nel corso dell'operazione un agente è stato ferito ad una mano e ha perso molto sangue: per lui 6 giorni di prognosi.

In manette

L'arrestato, con permesso di soggiorno per motivi umanitari in fase di rinnovo, aveva diversi precedenti di polizia per spaccio e rissa. Dopo avere trascorso la notte nella camera di sicurezza del Servizio sicurezza urbana, è stato portato davanti al giudice, che ha convalidato l'arresto rimettendolo in libertà fino al processo, fissato ad ottobre.

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

  • 5 consigli per favorire il benessere intestinale

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento