Moria di pesce, al via il piano del Comune per la pulizia dei canali

Negli ultimi giorni troppe alghe a causa di caldo e afa provocano forti odori. L'assessore Bettin ha messo in moto, in via straordinaria, la pulizia della città con i mezzi nautici

A causa di una eccezionale moria di pesci che il gioco delle maree ha spinto nei canali di Venezia, con il conseguente sgradevole odore, è stata messa in moto, in via straordinaria, la pulizia della città con i mezzi nautici. "La moria è stata determinata in aree della laguna - come rileva l'assessore comunale all'Ambiente Gianfranco Bettin - dove l'acqua è particolarmente basse con l'ossigeno che è stato letteralmente divorato dalla fioritura straordinaria di alghe. Un fenomeno dovuto alle condizioni meteo con temperature alte, umidità e ristagno dei venti che hanno limitato la circolazione dell'aria e quindi delle acque della laguna".

Di fatto la moria risale a qualche giorno fa - il fatto è testimoniato dal fatto che i gabbiani non mangiano il pesce - ma solo il gioco dell'alta e bassa marea ha reso insopportabile il fenomeno in città. La situazione meteo, con l'aumento dei venti, dovrebbe contribuire a risolvere il problema - dicono gli esperti - da una parte dando riciclo all'acqua con la rimozione naturale dei pesci morti, dall'altra riossigenando la laguna e quindi permettendo ai pesci di vivere.
(ANSA)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tacco11 della famiglia di Federica Pellegrini nel nuovo hotel a 5 stelle di Jesolo

  • Schianto tra due auto, morta una donna

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie» ​

  • L'Amerigo Vespucci torna in laguna in compagnia della nave San Giorgio

  • Donna trovata morta sugli scogli, è una signora di Noale

  • L'Auchan passa a Conad. Sciopero e presidio a Mestre

Torna su
VeneziaToday è in caricamento