Aurora non ce l'ha fatta: vinta dalla leucemia a 8 anni la bambina più buona d'Italia

Era malata da tempo. Tre anni fa aveva donato i suoi risparmi al Team for Children

Non ce l’ha fatta la piccola Aurora Maniero, la bambina malata di leucemia che tre anni fa ha commosso un po’ tutti con un grande gesto d’amore. La terribile patologia se l’è portata via martedì.

IL PREMIO BONTÀ. La piccola è sempre stata accompagnata da mamma Valentina e papà Mirko, che insieme alla sorella hanno vissuto con lei il dramma. Aurora aveva vinto tre anni fa il “Premio della Bontà” voluto dalla confraternita di Sant’Antonio. Di sua spontanea volontà, aveva chiesto ad amici e parenti per il compleanno delle offerte. Quel salvadanaio poi lei ha scelto di donarlo al Team for Children. Un gesto che ha commosso un po’ tutti e che, se ce ne fosse stato ulteriormente bisogno, ha fatto conoscere il grande cuore della bambina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

FUNERALE. La piccola è stata seguita da un’equipe del reparto di Oncoematologia pediatrica dell’azienda ospedaliera di Padova. A nulla sono servite le cure. Il funerale di Aurora, che era originaria del veneziano, si terrà con tutta probabilità sabato a Fossò.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

Torna su
VeneziaToday è in caricamento