È morto il dottor Ambrosi. Aprì la pediatria di San Donà nel 1964

Lo comunica l'Ulss4, che esprime cordoglio e apprezzamento per l'operato di un grande professionista dalla lunga carriera. Sabato 24 agosto i funerali

Mercoledì 21 agosto all’ospedale di San Donà di Piave è venuto a mancare il dottor Franco Ambrosi, 88 anni, storico medico pediatra del sandonatese. Ambrosi ha trascorso gran parte della propria vita lavorando nell’ospedale cittadino. Il reparto pediatrico è sempre stato un po' la sua seconda casa, infatti è noto per aver fondato (il 27 gennaio 1964, insieme al dottor Andrea Peressini) il reparto di Pediatria e Neonatologia all’ospedale di San Donà di Piave.

Il professionista

Durante la propria lunga carriera professionale gli sono sempre state riconosciute doti di grande professionalità e competenza, unite a capacità tecniche di indubbio valore. Resta vivo in tutti coloro che lo hanno conosciuto il ricordo di un professionista preparato e ricco di grande umanità e garbo. Con la propria scomparsa viene a mancare una memoria storica della sanità di questo territorio, ma resta in chi l'ha conosciuto il privilegio di conservare insegnamenti e riflessioni che ha sempre saputo dare con generosità, come testimoniano le numerose manifestazioni di affetto e stima pervenute in questi giorni alla famiglia. Il direttore generale Carlo Bramezza, a nome dell’azienda sanitaria Ulss4, esprime il più sentito cordoglio alla famiglia Ambrosi. I funerali si svolgeranno domani (24 agosto) alle 10 alla chiesa parrocchiale San Giuseppe Lavoratore.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tacco11 della famiglia di Federica Pellegrini nel nuovo hotel a 5 stelle di Jesolo

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie» ​

  • Donna trovata morta sugli scogli, è una signora di Noale

  • L'Auchan passa a Conad. Sciopero e presidio a Mestre

  • Violenta collisione in serata, perde la vita un 53enne di San Stino

  • Barca finisce in secca, volo dell'elicottero per recuperare quattro persone

Torna su
VeneziaToday è in caricamento