Morto Gianfranco Fiorin, presidente dell'opera Santa Maria della Carità

Colpito da malore, si trovava in viaggio fuori Venezia per partecipare a un convegno

Gianfranco Fiorin

È morto nella tarda mattinata di oggi, colpito da un malore mentre era in viaggio per partecipare ad un convegno. Si è spento a 78 anni - ne avrebbe compiuti 79 tra pochi giorni - Gianfranco Fiorin, diacono presidente dell'opera Santa Maria della Carità. Veneziano, ma nativo di Conegliano (Treviso), legato alla parrocchia della Madonna dell’Orto, era stato ordinato diacono permanente nel 2009 dal patriarca Angelo Scola dopo aver sviluppato una lunga esperienza lavorativa come dirigente in ambito bancario.

«Sposo e padre esemplare»

Già prodirettore della Caritas diocesana, nel 2013 il patriarca Francesco Moraglia lo ha aveva nominato presidente dell'Opera Santa Maria della Carità (incarico che ricopriva tuttora), istituzione veneziana eretta nel 1955 dal patriarca Angelo Roncalli. Moraglia, non appena appresa la triste notizia, lo ha ricordato come «un professionista serio, capace e competente, dotato di senso ecclesiale e spirito di comunione. Figura di sposo e padre esemplare, è stato un diacono sempre disponibile ad andare lì dove era richiesta la sua opera, quale essa fosse. Aveva un bel rapporto con il vescovo, con i preti e gli altri diaconi della Diocesi. Nell’Opera Santa Maria della Carità si è impegnato moltissimo, con stile e dedizione, alla ricerca sempre del meglio». La data dei funerali non è stata ancora fissata.

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Festa del Redentore: i migliori punti da cui ammirare i fuochi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento