Tragedia in spiaggia a Caorle: turista muore dopo aver accusato un malore in acqua

E' accaduto nel pomeriggio di venerdì sull'arenile di Ponente. Inutile l'intervento del 118, con il medico calato dall'elicottero con un verricello. Sul posto la capitaneria di porto

Foto d'archiivio

Tragedia a Caorle nel pomeriggio, in corrispondenza dell'arenile di Ponente. Per cause ancora al vaglio delle forze dell'ordine, un turista ha perso la vita dopo aver avuto un malore mentre si trovava in spiaggia all'altezza dell'Hotel Nettuno. Pare mentre stava facendo il bagno. Immediato l'allarme lanciato da quanti si trovavano sull'arenile, durante una delle giornate più calde del periodo.

Sul posto è intervenuta un'ambulanza del 118, così come l'elicottero del Suem. Atterrato direttamente in spiaggia. Purtroppo, però, tutti gli sforzi dei sanitari sono risultati vani. L'elicottero è ripartito vuoto, segno che per l'85enne austriaco (fonti sanitarie parlavano all'inizio di un 47enne) collassato all'improvviso non c'era più nulla da fare. Si tratta di un anziano alloggiato nella località balneare. Dagli interventi di soccorso si sono interessati sia i carabinieri, sia gli uomini della capitaneria di porto, che si sono occupati di mettere in sicurezza il tratto di spiaggia in cui di lì a poco sarebbe atterrato l'elicottero del 118.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La vittima era arrivata a Caorle solo poche ore prima e pare soffrisse di problemi di cuore (essendo portatore di pace-maker): possibile abbia avuto una congestione fatale. Il Consorzio Arenili è intervenuto con bagnini e personale infermieristico su segway, allertando anche il 118. Due bagnini hanno recuperato l’uomo, che si presentava in stato di incoscienza. Sono state applicate le azioni previste da protocollo, con insufflazione e applicazione del defibrillatore, oltre al massaggio cardiaco, fino all’arrivo del personale del 118, giunto sia con ambulanza a terra, sia con un medico calato sul luogo dall’elisoccorso, che per oltre 45 minuti ha tentato terapie specifiche per le cardiopatie, ma senza esito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Controlli più restrittivi su chi torna da fuori Europa: la nuova ordinanza regionale

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento