Un ponte tra Venezia e Washington: "Mostra evento diffusa in tutta la città su Tintoretto"

L'esposizione a Palazzo Ducale da settembre 2018. Poi il testimone passerà agli Stati Uniti: "Saranno aperte le chiese e giungeranno in laguna altri capolavori". Restauri già partiti

Non solo le opere di Tintoretto saranno esposte a Washington, ma anche 13 capolavori arricchiranno il già immenso patrimonio culturale di Venezia. Giovedì mattina è stata presentata "Tintoretto 500", l'esposizione che dall'8 settembre 2018 si aprirà a Palazzo Ducale e che si candida a diventare uno degli eventi principali dell'anno in occasione dei 500 anni dalla nascita dell'artista. C'è una novità, però, che esula da tele e opere: per raggiungere l'obiettivo Fondazione Musei Civici, Gallerie dell'Accademia, Comune hanno giocato di squadra individuando nella National Gallery di Washington una sponda oltreoceano attraverso cui per la prima volta il grande artista sarà esposto e studiato. A febbraio 2019 il passaggio di testimone, con una mostra che aprirà i battenti nella capitale a stelle e strisce e si chiuderà nel maggio dello stesso anno.

"Rapporti internazionali"

"Attraverso questa iniziativa - ha spiegato il sindaco Brugnaro - racconteremo cos'è l'Italia e lo faremo a Whashington. Ci interessano anche i rapporti che stringiamo a livello internazionale". Non che in laguna ci sia dato tanto da fare per Jacopo Tintoretto, almeno in termini di mostre: è dal 1937 che non sono state organizzate grandi esposizioni. Ora il gap sarà colmato non solo attraverso l'evento del Ducale, ma anche grazie a una mostra alle Gallerie dell'Accademia sul "Tintoretto giovane", sempre dall'8 settembre 2018 al 6 gennaio 2019. Al progetto hanno aderito anche altre istituzioni lagunari, che parteciperanno all'anno tintorettiano con originali iniziative espositive, editoriali e convegnistiche. In prima fila ci sono la Scuola Grande di San Rocco, la Scuola Grande di San Marco (con il comitato Save Venice è in cantiere un'esposizione intitolata "Arte, fede e medicina nella Venezia di Tintoretto") e il Patriarcato. Sono tante infatti le chiese che conservano capolavori inestimabili del Tintoretto che entreranno a far parte di un percorso ad hoc.

"Mostra diffusa"

In un certo qual modo, dunque, nel 2018 sarà allestita una "mostra diffusa" sul maestro, che venne chiamato da dogi e notabili ad abbellire i palazzi e gli edifici di culto della città. "In nostro supporto sta lavorando un team di studiosi proveniente da tutto il mondo - ha sottolineato Frederick Ilchman, curatore della mostra alla National Gallery - Non è possibile capire Tintoretto senza aver visitato Venezia". Sulla stessa lunghezza d'onda Dodge Thompson, responsabile delle esposizioni dell'istituzione culturale statunitense: "In 40 anni avrò presentato un centinaio di iniziative sull'arte italiana, ma la parte più interessante è quella sull'arte veneziana", ha specificato.

Restauri già al via

Tintoretto tornerà dunque al centro del dibattito culturale. Ma, e forse è l'elemento più importante, le sue opere grazie alla mostra in cantiere sono già interessate da importanti restauri: "Ce ne sono 15 sottoposte a lavori di recupero, soprattutto a Palazzo Ducale - ha dichiarato Melissa Conn, presidente dell'associazione Save Venice, che raccoglie i comitati privati impegnati nella tutela della città -, stiamo anche preparando un libro sull'itinerario tintorettiano". Un gioco di squadra che è ancora tutto in divenire: "L'arte è il mondo delle relazioni - ha sottolineato la presidente della Fondazione Musei Civici, Mariacristina Gribaudi - E' portatrice di un grande messaggio di pace che va oltre alle contrapposizioni politiche o religiose". "Ci auguriamo di regalare un grande servizio per la collettività", ha aggiunto la Soprintendente ai Beni culturali, Emanuela Carpani. Ciò che è certo è che tutte le istituzioni cittadine si sono messe in moto per un progetto il cui respiro intende raggiungere tutto il mondo: "E' un'ambizione talmente grande che non potevamo non sederci tutti attorno a un tavolo - ha concluso la direttice della Fondazione Musei Civici, Gabriella Belli - Questo non è un progetto nostro, ma della città intera". 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Arrestati i rapinatori della fuga con pistola in pugno per la strada principale di Dolo

  • Cronaca

    Irruzione armata in gioielleria a Dolo, in due legati e minacciati: quattro in arresto VIDEO

  • Sport

    Venezia a valanga contro il Novara: tre reti ai padroni di casa e la classifica sorride ai Leoni

  • Incidenti stradali

    Sbanda e finisce fuori strada: automobilista in gravi condizioni, interviene l'elicottero

I più letti della settimana

  • Tragico incidente nel Padovano: si schianta con l'automobile contro il pullman e muore

  • Chiede di andare al bagno, 13enne esce dall'aula e si butta dalla finestra delle Medie

  • Schianto frontale sulla Triestina a San Donà: due feriti gravi e strata statale chiusa

  • Torna ad alzarsi il volume della musica a San Giuliano: 3 giorni di concerti il prossimo luglio

  • Barche abbandonate in vendita all'asta: si apre la gara telematica del Comune per 19 natanti

  • Inseguimento rocambolesco nella notte: forza il posto di blocco, 6 gazzelle per fermarlo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento