«Si spingevano in preda al panico, non ho mai visto persone così pallide»

Il racconto di un artista residente a Venezia, testimone dello sbandamento e delle pericolose manovre della Costa Deliziosa ieri, in prossimità di riva Sette Martiri

«Ho urlato "crociera" e ho cominciato a correre. Non ero così spaventato perché potevo vedere una via d'uscita sicura, ma poi alcune persone mi hanno spinto». Comincia così la testimonianza di Jorge Roby, artista residente a Venezia che ha assistito ieri pomeriggio allo sbandamento della Costa Deliziosa. Grande nave che ha poi rischiato di andare a sbattere contro la banchina in riva Sette Martiri. «C'era qualcosa come un centinaio di persone in preda al panico, che cercavano in tutti i modi di allontanarsi dalla fermata del vaporetto. Si spingevano l'uno con l'altro, alcuni in modo davvero isterico».

VIDEO: Nave da crociera rischia di sbattere contro la banchina 

Persone in preda al panico

«Ho visto alcune delle persone più pallide della mia vita, - continua l'artista sul suo profilo facebook - e siamo nel mezzo dell'estate. Mi sono fermato e ho guardato, dopo aver trovato un posto sicuro. La nave era a circa 10 metri dalla banchina, 50 dalla fermata del vaporetto. Avrebbe potuto colpire una delle imbarcazioni e demolire l'imbarcadero».

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Festa del Redentore: i migliori punti da cui ammirare i fuochi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento