«Si spingevano in preda al panico, non ho mai visto persone così pallide»

Il racconto di un artista residente a Venezia, testimone dello sbandamento e delle pericolose manovre della Costa Deliziosa ieri, in prossimità di riva Sette Martiri

«Ho urlato "crociera" e ho cominciato a correre. Non ero così spaventato perché potevo vedere una via d'uscita sicura, ma poi alcune persone mi hanno spinto». Comincia così la testimonianza di Jorge Roby, artista residente a Venezia che ha assistito ieri pomeriggio allo sbandamento della Costa Deliziosa. Grande nave che ha poi rischiato di andare a sbattere contro la banchina in riva Sette Martiri. «C'era qualcosa come un centinaio di persone in preda al panico, che cercavano in tutti i modi di allontanarsi dalla fermata del vaporetto. Si spingevano l'uno con l'altro, alcuni in modo davvero isterico».

VIDEO: Nave da crociera rischia di sbattere contro la banchina 

Persone in preda al panico

«Ho visto alcune delle persone più pallide della mia vita, - continua l'artista sul suo profilo facebook - e siamo nel mezzo dell'estate. Mi sono fermato e ho guardato, dopo aver trovato un posto sicuro. La nave era a circa 10 metri dalla banchina, 50 dalla fermata del vaporetto. Avrebbe potuto colpire una delle imbarcazioni e demolire l'imbarcadero».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto tra due auto, morta una donna

  • L'Amerigo Vespucci torna in laguna in compagnia della nave San Giorgio

  • Incidente mortale di Eraclea, il motociclista aveva bevuto

  • Donna trovata morta sugli scogli, è una signora di Noale

  • Travolto da un'auto, morto un pensionato di 63 anni

  • Sciopero del personale di Trenitalia: ecco quando

Torna su
VeneziaToday è in caricamento