Maxi striscione dei No Nav dal campanile di San Marco FT-VD

I manifestanti hanno scelto un modo molto coreografico per annunciare le proteste del 7 e 8 giugno in laguna: "Bloccheremo le crociere"

Foto Globalproject

Dall'alto del "paron" hanno srotolato un grande striscione. Consapevoli che le foto avrebbero fatto il giro dei social network. Blitz dei No Nav sul campanile di San Marco giovedì mattina da parte degli attivisti che si schierano contro l'ingresso delle Grandi Navi in laguna. Con questa azione hanno annunciato la due giorni di manifestazioni ed eventi del 7 e l'8 giugno, giorni in cui si dichiarano pronti a bloccare le crociere in uscita e in entrata dalla Marittima. Una manifestazione che inizierà alle 13 da piazzale Roma. Gli occupanti, che entrano in svivolata nel dibattito che anticipa le scelte del Governo sulle vvie d'acqua alternative per i "condomini galleggianti" a Venezia, sono poi scesi dal campanile al grido: "La laguna paura non ha".  

I manifestanti hanno compiuto il blitz dopo essere saliti sul campanile confondendosi con i normali turisti. Sul posto è giunta in pochi minuti la polizia, anche con agenti della Digos, e i dimostranti sono scesi dal campanile, terminando il loro happening pacifico in piazza San Marco. La posizione dei dimostranti ora è al vaglio.

Anche altre associazioni in contemporanea all'azione hanno deciso di far sentire la propria voce: "Ancora una volta si pretende il diritto di decidere sulle proprie vite e sulla propria terra - dichiara l'associazione Sanca, Sinistra Veneta Indipendentista - Si chiede che le enormi navi che da troppo tempo minacciano la nostra capitale vengano, una volta per tutte, lasciate fuori dalla laguna. Si chiede di fermare la scellerata idea del "ricalibramento" del canale Contorta, utilizzando la più saggia proposta delle bocche di porto del Lido (anche in prospettive di lavoro), si chiede che siano i cittadini a decidere sulla proprie vite e non le grandi lobby croceristiche, che il denaro non prevalga ancora una volta sulle persone".

"Essere contro le Grandi Navi significa essere contro Venezia - dichiara invece Giovanni Furlanetto di Prima il Veneto - Il blitz del comitato “No Grandi Navi” andato in scena sul campanile di San Marco va sanzionato, come in passato è stato sanzionato chi ha manifestato il proprio pensiero utilizzando il campanile. Queste manifestazioni plateali non fanno altro che creare incertezza nel comparto della croceristica, disincentivando gli investimenti e spaventando gli armatori".

IL VIDEO DELL'INCURSIONE DEI NO NAV (GlobalProject)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Moda e calzature in ginocchio

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento