Nuova luce per la Provincia, ma ora servono i soldi dell'Unione Europea

Avviata fase di confronto tecnico con la Bei per finanziare opere di riqualificazione energetica e nuova illuminazione per ben 79 milioni di euro

Avviata ufficialmente dalla Provincia di Venezia la fase di confronto tecnico con la Bei, la Banca Europea degli Investimenti per l’attivazione di un finanziamento di due milioni di euro (di cui l’80% a fondo perduto) per l’organizzazione di uno staff tecnico che seguirà gli investimenti sul territorio provinciale in materia di riqualificazione energetica degli edifici pubblici, realizzazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili, e più efficiente illuminazione pubblica per oltre 50 milioni di euro.

TUTTI INSIEME - La presidente della Provincia Francesca Zaccariotto, con gli assessori provinciali all’Ambiente Paolo Dalla Vecchia e ai Trasporti Giacomo Grandolfo, ha da subito creduto nel progetto, spingendo per il rispetto dei tempi previsti e la partecipazione al bando di cui ora si apre la fase finale del percorso. Un traguardo raggiunto grazie al contribuito dei Comuni partecipanti: Annone Veneto, Campolongo Maggiore, Camponogara, Caorle, Cavallino Treporti, Ceggia, Chioggia, Concordia Sagittaria, Dolo, Eraclea, Fiesso D’Artico, Fossalta di Piave, Fossalta di Portogruaro, Fossò, Martellago, Mira, Mirano, Musile di Piave, Noale, Noventa di Piave, Portogruaro, Quarto d’Altino, Salzano, San Donà di Piave, San Michele al Tagliamento, Santa Maria di Sala, Santo Stino di Livenza, Spinea, Torre di Mosto, Vigonovo, e il supporto del gruppo di EAmbiente e dei tecnici del settore ambiente della Provincia di Venezia.

IL PROGETTO - Questo nuovo passaggio segue l’incontro avvenuto lo scorso mese nella sede provinciale di Mestre con i rappresentati della Bei, con la proposta da parte della Provincia che gli interventi in materia di sostenibilità energetica realizzati nei Comuni non vadano a gravare sulle casse comunali. Tramite il progetto denominato “Elena” (European Local Energy Assistance) la Comunità Europea tramite la Bei si pone l’obiettivo di fornire l'assistenza tecnica necessaria a sostenere le autorità regionali e locali nello sviluppo di progetti applicati sia agli edifici, sia ai trasporti e alle infrastrutture, per un valore almeno di 30 milioni di euro. Queste le cifre previste in sintesi nel progetto proposto alla Bei: 9 milioni 500 mila euro di investimento per interventi su edifici scolastici provinciali; 12 milioni e 990 mila euro per interventi su edifici dei 30 Comuni aderenti ad oggi al Progetto "Elena"; 3 milioni 700 mila euro per interventi sul patrimonio di illuminazione pubblica provinciale; 23 milioni e 432 mila euro per interventi sul patrimonio di illuminazione pubblica comunale. Il totale, circa 52 milioni di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I COMMENTI - L'assessore Paolo Dalla Vecchia ha così commentato il progetto: “Le attività svolte nell’ambito del progetto hanno senz’altro fornito una guida strategica e un supporto tecnico ai comuni firmatari, ma siamo anche ben consapevoli della difficoltà dei comuni nel trovare le risorse da investire nel miglioramento dell’efficienza energetica dei propri edifici, e della rete di illuminazione pubblica o nell’installazione di impianti a fonti rinnovabili, a causa dei vincoli imposti dal “Patto di stabilità”. Questo finanziamento dunque è molto importante per arrivare agli obiettivi preposti. Un altro passo in avanti per il patto dei Sindaci, con il quale la nostra Provincia  ha ufficialmente assunto il ruolo di struttura di coordinamento fra i Comuni del proprio territorio, e il progetto 202020 è stato pensato per coinvolgere, supportare e sostenere i Comuni del territorio veneziano affinché si impegnino ad elaborare e adottare il proprio Piano di Azione per l’Energia Sostenibile – PAES, finalizzato al raggiungimento degli obiettivi europei in termini di riduzione di emissioni e di risparmio energetico”. Anche la presidente Francesca Zaccariotto ha espresso soddisfazione a riguardo: “Abbiamo voluto proporre alla Banca Europea degli Investimenti un progetto ampio, sistemico, riguardante tutto il territorio provinciale, anche in un’ottica di futura città metropolitana, coinvolgendo tutti i soggetti interessati e in particolare le associazioni imprenditoriali veneziane. Questo sia per rimuovere eventuali ostacoli alla partecipazione alle gare da parte di imprese, sia per proporre agli istituti bancari la realizzazione di un fondo per il finanziamento degli interventi alle imprese che vinceranno le gare e che si impegnano a realizzare le opere a proprio carico. Un aiuto dunque all’ambiente ma anche all’economia del territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un pene in cemento compare a San Marco

  • «Assembramenti fuori dai locali, gente senza mascherina: così torniamo indietro»

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Maneggio in fiamme: feriti padre e figlia, morti quattro cavalli

  • Pericoloso inseguimento in laguna, giovane sperona la volante: 25enne arrestato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento