Un milione di euro per le nuove giostrine delle scuole di Venezia

Si tratta del finanziamento stanziato dalla giunta comunale di Venezia. La cifra sarà divisa tra gli istituti del centro e delle isole

Un milione di euro per posizionare nei giardini delle scuole nuove giostrine. Ad stanziare il finanziamento è stata la Giunta comunale, su proposta dell'assessore ai Lavori pubblici Francesca Zaccariotto: nello specifico gli interventi straordinari riguarderanno le scuole del centro storico e le isole di Lido, Pellestrina, Burano, Murano e Sant’Erasmo.

Gli interventi

Nello specifico, con questa decisione di Giunta, si interverrà su 32 scoperti scolastici: in particolare a Venezia negli Asili nido “Gabbiano”, “Onda”, “S. Provolo”, “Arcobaleno” e “Ciliegio”, nelle scuole dell’Infanzia “Comparetti”, “Duca d’Aosta”, “25 Aprile”, “Sant’Elena”, “A.Diaz”, “S. Teresa”, “D.Valeri”, “S. Francesco”, “Glicine” e “Munari” e nelle scuole Primarie “Zambelli”, “Manzoni”, “G.Gallina”, “R. Michiel”, “Canal”. Al Lido invece si interverrà negli asili nido “Sole” e “Delfino”, nelle scuole dell’Infanzia “S.G. Bosco”, “Rodari” e “Ca’ Bianca” e nelle scuole Primarie “Penzo”, “Giovanni XXIII” e “Parmeggiani”. A Burano si posizioneranno giostrine nella scuola dell’Infanzia “Maria Letizia” e alla Primaria “Di Cocco”. Infine a Pellestrina si interverrà nelle scuole dellinfanzia “Zendrini” e in quella di “San Pietro in Volta”.

Nuove attrezzature

«Le aree gioco degli scoperti scolastici del Comune di Venezia - commenta Zaccariotto - sono concentrate negli asili nido e nelle scuole dell'infanzia, la cui dotazione di giochi è però purtroppo tutt'altro che omogena. Questo è dovuto in parte allo spazio a disposizione nelle strutture che ospitano le scuole ma anche dal periodo in cui sono stati installati i giochi, dall’esposizione degli stessi alle intemperie, dal numero di bambini che le utilizzano e da una serie di altre variabili minori. Con questa delibera - continua l'assessore - andremo a sostituire e inserire nuove attrezzature nelle aree gioco andando, dove ce ne fossero le necessità, a sostituire le pavimentazioni antitrauma e di altri elementi di arredo urbano. Tutti interventi in sinergia con le insegnati in modo che sia installato veramente quello che serve ai bambini senza che nulla venga calato dall'alto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ordigno a Marghera. Evacuazione di 3mila persone, niente treni e aerei: Venezia sarà isolata

  • Bollo auto, tutte le novità del 2020 dagli sconti alle nuove modalità di pagamento

  • Una donna si è data fuoco davanti al tribunale dei minori di Mestre

  • Appartamento dello spaccio "vista piazza": 30enne in manette a Marghera

  • Preso l'uomo che si aggirava con un coltello tra le calli di Venezia

  • Allarme coronavirus (poi rientrato) per un bambino cinese all'aeroporto di Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento