Almalaurea fotografa i cafoscarini: occupazione sopra la media nazionale

A 5 anni dal titolo il tasso di occupazione per i laureati magistrali è dell'89%, 5 punti sopra la media nazionale. Oltre l'80% lavora nel settore privato

Tasso di occupazione che supera di 5 punti la media nazionale per i laureati magistrali a cinque anni dal titolo (89%), maggiori opportunità di studio all'estero e di tirocini (studio all'estero: 24% Ca' Foscari, media totale 10%; tirocini: 74% Ca' Foscari, media nazionale 56% ); e ancora regolarità degli studi con percentuali fra le più alte (64% Ca' Foscari, 47% media complessiva): sono i numeri dell'Università Ca' Foscari Venezia secondo i dati diffusi oggi dal Consorzio Almalaurea nel  Rapporto 2016 sulla condizione occupazionale e sul profilo dei laureati.

Il Rettore di Ca' Foscari Michele Bugliesi: "Gli ultimi dati del Rapporto Almalaurea confermano l’efficacia delle scelte strategiche di Ca' Foscari afferma il Rettore. L'investimento nell'internazionalizzazione delle nostre proposte formative, nella qualità dei contenuti e nei servizi, dalle infrastrutture allo Stage e Placement, trovano riscontro nel grado di soddisfazione dei laureati e soprattutto nei dati occupazionali che per Ca' Foscari si confermano nuovamente al di sopra della media nazionale. Sono risultati che ci danno molta soddisfazione e ci impegnamo a proseguire nelle nostre politiche tese a offrire ai nostri studenti sempre nuove opportunità sia in termini di quantità sia di qualità".

I laureati 2015 dell’Università di Venezia Ca' Foscari coinvolti nel Profilo dei laureati sono 4.650. Si tratta di 2.993 di primo livello e 1.645 magistrali biennali. Laureati in corso: 64% (media nazionale 47%), età media di laurea: 25,1 anni (media nazionale 26,2%). Tirocini riconosciuti dal corso di laurea:74% (media nazionale 56%), studio all’estero riconosciuto dal corso di laurea: 24% (media nazionale 10%), quota di laureati di cittadinanza estera: 3,9% (media nazionale 3,4%), provenienza da fuori regione: 23% (media nazionale 21%). L’88% dei laureati è soddisfatto del rapporto con il corpo docente. In merito alle infrastrutture messe a disposizione dall’Ateneo, 76 laureati su cento considerano le aule adeguate, 28 ritengono le postazioni informatiche presenti in numero adeguato e 85 valutano positivamente i servizi di biblioteca


I laureati magistrali di Ca' Foscari biennali a uno, tre e cinque anni dalla laurea: (I laureati magistrali biennali del 2014 coinvolti ad un anno dal titolo sono 1.615, quelli del 2012 a tre anni sono 1.340 e quelli del 2010 a cinque anni sono 1.168). A un anno il 75% dei laureati magistrali biennali del 2014 è occupato (media nazionale 70%). Sono 28 occupati su cento a poter contare su un lavoro stabile (contratti a tempo indeterminato e lavoro autonomo). Il guadagno è di 1.088 euro mensili netti e l’efficacia è pari al 42%. A tre anni l’88% dei laureati magistrali biennali del 2012 è occupato (media nazionale 82%).Gli occupati stabili sono il 48%. Le retribuzioni arrivano a 1.277 euro mensili netti. L’efficacia coinvolge 40 laureati su cento. Ma dove lavorano? L’84% dei laureati è inserito nel settore privato, mentre l’11% nel pubblico. La restante quota lavora nel non-profit (5%). L’ambito dei servizi assorbe il 76%, mentre l’industria accoglie il 22% degli occupati. Dopo cinque anni l’89% dei laureati magistrali biennali del 2010 è occupato (media nazionale 84%). Il tasso di disoccupazione è pari al 7%. Gli esiti occupazionali sono analoghi a quelli rilevati a tre anni dal titolo. Gli occupati stabili sono il 69%. Le retribuzioni arrivano a 1.364 euro mensili netti. L’efficacia coinvolge 44 laureati su cento. Dove lavorano? L'81% dei laureati è inserito nel settore privato, mentre il 14% nel pubblico. La restante quota lavora nel non-profit (5%). L’ambito dei servizi assorbe l’80%, mentre l’industria accoglie il 18% degli occupati.

Una quota elevata di laureati di primo livello, 52%, prosegue il percorso formativo con la magistrale; relativamente a coloro che non proseguono gli studi (46%) il tasso di occupazione (si considerano occupati anche quanti sono in formazione retribuita) è del 67%, mentre quello di disoccupazione (calcolato sulle forze di lavoro, cioè su coloro che sono già inseriti o intenzionati a inserirsi nel mercato del lavoro) è pari al 19%. Il 31% degli occupati può contare su un lavoro stabile, il guadagno è in media di 1.045 euro mensili netti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale drammatico a Noventa di Piave: morti tre ragazzi

  • Poca neve a Venezia, poi la pioggia

  • Scontro a Stigliano di Santa Maria di Sala, morta una ragazza

  • Contro un albero e giù nel fosso: muore un 43enne

  • Violento scontro fra furgone e trebbiatrice sulla Triestina

  • Infermiere preso a calci e pugni da un paziente: si dovrà operare

Torna su
VeneziaToday è in caricamento