homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Mirano, liceo Majorana occupato: i carabinieri sequestrano i libretti

Una quindicina di giovani nella notte tra mercoledì e giovedì sono entrati nell'istituto e hanno chiuso con catene e lucchetti gli ingressi. Poi l'arrivo delle forze dell'ordine

Proteste degli studenti a Mirano (archivio)

Stavolta a finire al centro della cronaca è il liceo Majorana-Corner di Mirano. Perché l'agitazione continua dopo le proteste studentesche dei giorni scorsi. Anzi, si allarga. Una quindicina di ragazzi all'alba di giovedì sono entrati nell'istituto attraverso una finestra difettosa e hanno dato vita a un'occupazione, non prima di aver "serrato" con catene e lucchetti la scuola. Alle 6.30 è scattato l'allarme che ha "attirato" in zona i carabinieri con la preside Carla Berto.

A differenza dei giorni precedenti non c'era più nulla di concordato, di "cogestito". I militari dell'Arma per forza di cose hanno forzato la porta d'ingresso e tranciato le catene con un tronchesino per poi entrare. All'interno hanno trovato i banchi spostati sui muri e gli studenti seduti a terra nel mezzo. Tra assemblee e dibattiti. Ma di occupazione si trattava, di un reato. Gli agenti hanno requisito una quarantina di libretti ad alcuni studenti e se li sono portati in caserma. Al ché sono intervenuti anche alcuni genitori, avvisati dai figli in lacrime. Chiedendo il motivo di quest'azione.

L'occupazione ad ogni modo forse continuerà. E coinvolge con esiti diversi anche gli altri istituti della cittadella scolastica di via Matteotti. All'istituto tecnico 8 Marzo gli studenti continuano a mantenere il possesso dell'edificio, nonostante in molti abbiano preferito stare a casa. All'itis Primo Levi, invece, c'è stato un nuovo tentativo di occupazione non andato a buon fine. Agitazione anche al Ponti-Lorenz, che lunedì ha acceso la "miccia" della protesta per le condizioni del proprio istituto.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Tragedia sul lavoro nel cantiere dell'aeroporto, operaio cade da oltre 2 metri e muore

    • Incidenti stradali

      Sbanda con la sua Kawasaki e si schianta: perde la vita 58enne di Camponogara

    • Sport

      Buona la prima per mister Inzaghi, il Venezia batte il Forlì all'esordio al Penzo

    • Cronaca

      Sorpreso con un tonno da 49 chili nonostante il divieto di cattura: diportista nei guai

    I più letti della settimana

    • Degrado no-stop: un'altra donna fa pipì all'aperto a Venezia, turisti in tenda ai Tolentini

    • Parole sessiste all'indirizzo della cameriera, il gestore del locale caccia cliente e sei ospiti

    • Panico all'imbarcadero: estrae un coltello e aggredisce un uomo, denunciato

    • Stavolta il turista non la passa liscia: “beccato” a farsi il bagno a San Marco, multato

    • Battono la testa sul ponte mentre ammirano le bellezze della Riviera, due feriti gravi

    • Non vuole pagare il biglietto, donna sferra un pugno al volto del controllore Atvo

    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento