homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Il figlio di Hané: "Ci ha insegnato tutto, mio padre lo voglio solo dimenticare"

Robert, 20enne, la sera dell'omicidio di sua madre ha voluto vedere con i propri occhi il luogo del delitto a Moniego di Noale. "La vorremmo seppellire in Albania, lei avrebbe voluto così"

La scientifica al lavoro sul luogo del delitto

"Mia madre era una persona eccezionale. Lavorava per mantenerci e non ci ha mai fatto mancare nulla". Robert, il figlio 20enne di Hané Gjelaj, la donna uccisa dal marito la sera del 26 marzo a Moniego di Noale, quella sera ha voluto vedere il luogo dove sua madre era stata giustiziata dal marito Pashko Gjelaj, 55enne. Ha oltrepassato quasi in trance il cordone che delimitava l'area posta sotto sequestro, davanti all'agenzia viaggi Re Mida, e si è fermato a pochi passi dalla bicicletta della vittima, speronata dall'omicida per farla cadere a terra. Lì si è portato le mani al volto. Poi, accompagnato da un signore dai capelli bianchi, è andato via sfogando la propria rabbia con un pugno contro il palo di un cartello stradale che si era trovato davanti.

Un carattere forte quello di Robert. Voleva capire, vedere con i propri occhi cos'era successo. Sarà lui ora, nonostante l'aiuto dei servizi sociali, che dovrà costituire il punto di riferimento per la figlia 16enne della coppia, assieme al fratello maggiore, 22enne. "Era una donna religiosa - racconta con gli occhi gonfi di lacrime - andava spesso in chiesa. Lei ci ha insegnato tutto". Se da una parte c'è la figura della madre, da tutti indicata come persona meravigliosa e gentile, dall'altra c'è la rabbia per quanto fatto dal padre: "Di problemi ce n'erano in casa - spiega il giovane - io voglio dimenticare la sua persona e tutto quello che ha fatto passare a mia madre, a cominciare da quello che è successo l'altra sera".  

Ancora da stabilire la data dei funerali. I figli vorrebbero seppellire Hané Gjelaj in Albania, dove ha vissuto gran parte degli anni della sua vita.

 

OMICIDIO DI NOALE: LA CRONACA

 

IL LUOGO DEL DELITTO E I RILIEVI DELLA SCIENTIFICA

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Celebrata a Mira la prima unione civile del Veneziano: "Un atto d'amore e di giustizia"

    • Cinema

      Mostra del Cinema al via, Brugnaro e Baratta in ricognizione sui luoghi della kermesse

    • Cronaca

      Seduti sui wc in giro per Venezia: il flash mob goliardico degli studenti universitari

    • Cronaca

      Tenta di rubare la borsa in discoteca e spintona la proprietaria, ladro arrestato

    I più letti della settimana

    • Parole sessiste all'indirizzo della cameriera, il gestore del locale caccia cliente e sei ospiti

    • Stavolta il turista non la passa liscia: “beccato” a farsi il bagno a San Marco, multato

    • Panico all'imbarcadero: estrae un coltello e aggredisce un uomo, denunciato

    • Battono la testa sul ponte mentre ammirano le bellezze della Riviera, due feriti gravi

    • Tragedia sul lavoro nel cantiere dell'aeroporto, operaio cade da oltre 2 metri e muore

    • Schianto vicino all'aeroporto, incidente e automobile in fiamme in A4: lunedì nero

    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento