Borseggiatrici e spacciatori colti in flagrante, un ladro bloccato alla Coop: arresti e denunce

Decine gli agenti impiegati nelle aree calde di Mestre e Venezia contro spaccio, furti e atti contrari alla pubblica decenza. Fermato cittadino iracheno che aveva rubato 16 pezzi di grana

Decine gli agenti della polizia locale impegnati nei giorni scorsi in una serie di attività anticrimine e antidegrado in tutte le aree calde di Mestre e di Venezia. Una persona è stata arrestata per borseggio, 3 sono state denunciate per spaccio di eroina, per borseggio e per furto in un supermercato, 3 sono state sanzionate per ubriachezza manifesta e una per atti contrari alla pubblica decenza. Sono stati sequestrati 3 etti di marijuana.

OPERAZIONI ANTISPACCIO

Mercoledì pomeriggio nell’ambito dei controlli antidegrado a Mestre la polizia locale è intervenuta in piazzale Olivotti a Mestre, redigendo 3 verbali per ubriachezza manifesta a carico di altrettanti cittadini italiani, e un verbale per atti contrari alla pubblica decenza, sempre a carico di un cittadino italiano sorpreso a urinare per strada. Nel corso di un’attività antidroga svolta dal Nucleo di polizia giudiziaria, nella zona di via Trento e via Monte San Michele, è stato colto in flagranza di reato di spaccio di due dosi di eroina un 36enne cittadino del Bangladesh. Lo spacciatore, che era assieme ad altri cittadini nigeriani, dopo una intensa contrattazione, stava vendendo per 40 euro lo stupefacente a un cittadino italiano di 40 anni, proveniente da Bibione. Il bengalese, pluripregiudicato per reati contro il patrimonio, porto abusivo di armi e resistenza a pubblico ufficiale, attualmente sottoposto alla misura dell'obbligo di firma presso la polizia giudiziaria, è stato denunciato a piede libero e sarà segnalato al giudice per l'aggravamento della misura cautelare, mentre il cittadino italiano verrà segnalato in Prefettura come consumatore di stupefacenti.

FURTO DI FORMAGGIO AL SUPERMERCATO

Giovedì, verso mezzogiorno, è stato colto in flagranza di furto un sedicente cittadino iracheno di 35 anni, senza fissa dimora in Italia, che aveva rubato nel supermercato Coop, di Corso del popolo a Mestre, 16 pezzi di formaggio grana, per un valore complessivo di 150 euro, ed era stato scoperto dal personale del negozio. L’uomo, che nel frattempo era riuscito a fuggire, è stato subito raggiunto e ammanettato da due operatori della polizia locale appena assunti e dal personale della sezione di Mestre presente sul posto per il servizio antidegrado. Poi è stato portato al comando generale per i rilievi fotodattiloscopici e la denuncia a piede libero.

BORSEGGIATRICI

Nel pomeriggio di giovedì, verso le ore 16, nell'area di carico e scarico passeggeri dell'autobus numero 5 a piazzale Roma, il nucleo di polizia giudiziaria ha colto in flagranza di reato di tentato borseggio tre donne di etnia rom. Le donne, che avevano già tentato ripetuti approcci nei confronti dei turisti in partenza per l'aeroporto, sono state bloccate mentre infilavano le mani nella borsa di una turista americana di 40 anni. Delle tre borseggiatrici, la prima, una cittadina croata di 25 anni è stata arrestata e trasferita immediatamente nella camera di sicurezza del servizio sicurezza urbana, dove è rimasta tutta la notte. La seconda, una 29enne bosniaca al nono mese di gravidanza, è stata denunciata a piede libero, mentre la terza, dodicenne, è stata trasferita in una comunità per minori. Ieri mattina l'arrestata è stata condotta dal giudice per la convalida dell'arresto e gli adempimenti di rito. Salgono così a 65 le persone arrestate o denunciate per borseggio quest’anno dalla polizia locale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SEQUESTRO DI MARIJUANA

Un’altra operazione antidroga si è svolta infine, sempre giovedì pomeriggio, al parco Albanese, dove personale del servizio sicurezza urbana, affiancato da operatori di nuova nomina e dal cane antidroga Kuma, ha trovato e sequestrato diversi sacchetti di cellophane contenenti marijuana, per un peso complessivo di circa 3 etti, che erano nascosti nell'area delle "piramidi", all'interno delle condotte dell'acqua, tra le siepi, sugli alberi, nei cestini delle immondizie e nei tombini per le acque piovane. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dati aggiornati sul contagio in Veneto e in provincia

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Mutui per prima casa sospesi dai decreti Conte ma alcune banche trattengono la rata

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

Torna su
VeneziaToday è in caricamento