Osellino Marzenego, Pd: "Peggiorano le condizioni del fiume le istituzioni provvedano"

Il piano per qualificare il corso d'acqua costa circa 29 milioni: "I soldi della legge speciale, dati al Veneto, non ci sono e mancano i 2 milioni del Provveditorato alle opere pubbliche"

La manifestazione di sabato ha riunito tutti i circoli del Partito Democratico della terraferma: Campalto, Favaro, Tessera, Viale San Marco, Carpendo-Bissuola e Mestre centro, sul progetto di riqualificazione ambientale del basso corso del fiume Osellino Marzenego.

"Degrado e rischio esondazione"

"Il progetto -scrive il Pd -, previsto in un accordo di Programma sottoscritto da Regione del Veneto, Magistrato alle Acque, Comune di Venezia e Consorzio Acque Risorgive, il 13 aprile 2006, è ancora in attesa di essere eseguito. Nel frattempo la situazione di degrado del fiume è andata via via peggiorando tanto da comprometterne la navigabilità, la condizione ambientale delle acque, e la pericolosità per il rischio esondazione a causa della crescente fragilità degli argini. Il nostro è un sollecito nei confronti della Regione, del Comune di Venezia e della Città Metropolitana, affinché si facciano parte attiva per l'esecuzione dello scavo dell'Osellino Marzenego, per il tratto da Mestre fino alla foce".

20180518_162646-2

'Mancano i soldi'

"Il nuovo progetto che ha recepito le osservazioni delle Municipalità e dei cittadini, sarà eseguito dal Consorzio Acque Risorgive e costerà 28 milioni e 970 mila euro, che dovrebbero arrivare per gran parte dai fondi dati alla Regione Veneto dalla Legge Speciale per Venezia, dal Provveditorato alle Opere Pubbliche, ex Magistrato alle Acque, e per 450 mila euro dal Comune di Venezia. Nel bilancio della Regione questi fondi non ci sono - scrive il Pd - e mancano anche i 2 milioni del Provveditorato. Inoltre il Comune di Venezia deve ancora predisporre la variante urbanistica per l'apposizione del vincolo preordinato all'esproprio delle nuove aree interessate, e la dichiarazione di pubblica utilità".

image2-5

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

'Contro l'inerzia'

Il piano è ora all'esame della Direzione Regionale Ambiente che sta predisponendo l'istruttoria per sottoporlo alla Commissione Tecnica Regionale Ambiente. Una volta approvato la Direzione dovrà emettere il decreto che dichiara la pubblica utilità e impegna la relativa spesa. La manifestazione di sabato è stata decisa per riportare l'attenzione delle istituzioni, in particolare della Regione e il Comune di Venezia, affinché finalmente si scuotano dall’inerzia e diano soluzione al problema che sta diventando sempre più urgente. Invitate alla manifestazione la Municipalità di Favaro e di Mestre. "Facciamo appello a tutti i consiglieri regionali e ai neo parlamentari di tutte le forze politiche - concludono  circoli del Pd - affinché sostengano, in tutte le sedi deputate le iniziative utili a risolvere questo problema così urgente per tutta l’area mestrina e della gronda lagunare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

  • Casa del sesso in centro a Mestre: arrestata una donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento