Nel 2020 via ai lavori per il Parco della Vittoria nella golena di Musile

Il progetto prevede un collegamenti ciclopedonale che collegherà il parco alla città, un nuovo parcheggio e uno spazio dedicato ai grandi eventi

Il progetto

Il richiamo alla Grande Guerra, il collegamento ciclo pedonale tra golena e centro urbano di Musile un nuovo parcheggio e uno spazio eventi. E ancora un’installazione artistica che evocherà il passato e un’illuminazione che amplificherà la suggestione e renderà fruibile l’area in orario serale. In questi giorni la convenzione siglata tra Bim Basso Piave e la Città di Musile ha di fatto sancito il via libera al “Parco della Vittoria” che nascerà in corrispondenza dell’omonimo ponte. Il via ai lavori è previsto per l'inizio del 2020.

Il progetto

L’area oggetto dei lavori è attualmente poco connessa al centro urbano di Musile di Piave, quindi non facilmente fruibile al cittadino. Il progetto di recupero prevede la realizzazione di un parcheggio posto nei pressi dello svincolo con la provinciale 51 e un nuovo collegamento ciclo pedonale che, dal parco attraverso il parcheggio, porterà alla quota superiore dell’argine unendosi al percorso pedonale esistente: farà da trait d’union tra il centro urbano di Musile e il "Parco della Vittoria". Lo scopo dell'opera è valorizzare l’area golenale per consegnare alla comunità di Musile un territorio che attualmente non ha un valore paesaggistico e neppure ambientale. «Quel tratto golenale di Musile - spiega il presidente del Bim Valerio Busato - sarà inoltre caratterizzato per il richiamo alla storia, dato che includerà due installazioni dell’artista Andrea Zelio, collegate da una “walk of pace” che rievocano appunto questi ambiti simbolo della Grande Guerra».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Diamo vita a un'area suggestiva»

«La presenza di percorsi d’accesso al parco saranno fondamentali per il suo utilizzo. - spiega il sindaco di Musile Silvia Susanna - Con questo progetto di recupero si da vita a un’area molto suggestiva del Piave, la popolazione potrà usarla per una passeggiata, per sport o attività fisica dato che sarà fornita di un comodo parcheggio per chi utilizzerà il percorso ciclo-pedonale e nel contempo potrà essere di supporto alla sosta in caso di grandi eventi in centro urbano. Infine non va tralasciato il richiamo alla storia che attribuisce al parco un valore storico-culturale». Nell'ambito dei lavori sono previsti anche interventi di pulizia della vegetazione (infestanti) lungo la sponda del fiume, tagliate alberature morte per migliorare il deflusso delle acque in caso di piena del Piave. Le aree a verde verranno trattate secondo i criteri del "giardino in movimento", perciò con la piantumazione di specie autoctone, a una bassa manutenzione e ad elevato tasso di resistenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • Addio ad Ambra, morta a 31 anni

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Bollettino contagi e ricoveri per Covid-19 domenica mattina, regione e provincia

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti di oggi

  • Coldiretti Venezia: si raccolgono adesioni per il lavoro in campagna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento