A 8 anni dalla scomparsa, una partita di calcio per ricordare il maggiore Luca Pettinato

Il match, tra due rappresentative dei militari dell'Arma, è stato disputato allo stadio Baracca. Si tratta di una consuetudine per omaggiare l'ex comandante del Nucleo investigativo

Il 16 aprile 2011 moriva prematuramente il maggiore Luca Pettinato, allora comandante del Nucleo investigativo dei carabinieri di Venezia. Un malore cardiaco mentre si trovava a cena con la moglie. Come ormai da tradizione, questo pomeriggio i carabinieri del Comando provinciale di Venezia hanno organizzato una partita di calcio. Modo migliore per ricordarlo, lui grande appassionato e praticante a livello non agonistisco.

Incontro tradizionale in memoria

L'incontro, tenutosi tra due rappresentativi dei militari dell'Arma si è disputato allo stadio Baracca di Mestre, concesso allo scopo dal comune di Venezia e dalla società sportiva mestrina. Prima dell'incontro, come di consueto, il cappellano militare don Corrado Tombolan ha officiato una messa in memoria presso il 4° battaglione carabinieri "Veneto". Prima del match è stato osservato anche un minuto di silenzio in ricordo del maresciallo maggiore Vincenzo Di Gennaro, barbaramente ucciso sabato a Cagnano Varano (FG).

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Incendio all'hotel Excelsior: fiamme in cucina nella notte

  • Incidenti stradali

    Auto nel fiume, i sommozzatori la recuperano e ne trovano un'altra. Un ferito

  • Sport

    L'Ascoli ricaccia il Venezia nell'incubo playout: fatale il rigore trasformato da Ardemagni

  • Attualità

    Meteo: previsto un picco di acqua alta di 105 centimetri

I più letti della settimana

  • Schianto tra auto e tram sul ponte della Libertà, traffico bloccato a piazzale Roma

  • Omicidio a Venezia: anziano uccide la moglie con una coltellata

  • Ciclista investito finisce a terra e perde la vita

  • Attenzione all'esodo di Pasqua: le previsioni del traffico in autostrada

  • Scomparso da giorni, ammette: «Ero fuggito per debiti di droga»

  • Si sente male in piscina, 19enne muore in ospedale

Torna su
VeneziaToday è in caricamento