Pesce ricongelato, avariato ma pronto per la vendita: azienda denunciata

A finire nei guai una ditta del settore ittico di Marghera scoperta con mezza tonnellata di merce proveniente dalla Turchia in cattivo stato di conservazione

La merce trovata avariata

Mezza tonnellata di pesce, piovre, calamari, seppie, seppioline e polpi, provenienti dalla Turchia e destinati alla vendita è stata sequestrata dalle forze dell’ordine in un’azienda di Marghera.

A CHIOGGIA DUE QUINTALI DI PESCE SPROVVISTO DI ETICHETTE

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA MERCE AVARIATA. Un’operazione congiunta di carabinieri e squadra mobile di Venezia messa in atto venerdì pomeriggio e che ha permesso alle forze dell’ordine, nell’ambito dei controlli volti a contrastare l’immissione sul mercato di generi alimentari di provenienza illecita e scadenti, di trovare in una cella frigorifera della ditta lagunare circa 500 chili di pesce stoccato in 54 cassette visibilmente disidratato e ossidato, caratteristiche tipiche di un prodotto decongelato e ricongelato.

DENUNCIA. Tutta la merce è stata sequestrata ed il legale rappresentante è stato denunciato poiché responsabile della detenzione di prodotti ittici in cattivo stato di conservazione, destinati alla vendita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

  • Ricoveri stabili, ma continuano i decessi: i dati aggiornati sul Covid-19

Torna su
VeneziaToday è in caricamento