Baby gang, un altro pestaggio: cinque giovani picchiati dai bulli a Venezia

L'episodio sabato sera a San Giacometto. Indagini della polizia per identificare i responsabili

Foto d'archivio

Si sono avvicinati a loro con la scusa di chiedere una sigaretta e poi li hanno aggrediti con calci e pugni. Cinque giovani tra i 20 e i 25 anni domenica notte sono finiti al pronto soccorso dopo essere stati picchiati da una ventina di ragazzini (molti dei quali minorenni) dalle parti di campo San Giacometto, a Venezia, vicino a Rialto. L'episodio è avvenuto a poche ore di distanza dalla rapina in un minimarket di via Fapanni a Mestre, dopo la quale cinque giovanissimi erano stati denunciati dalla polizia.

Pestaggi e rapine, la lunga scia di violenza

L'aggressione

Le vittime del pestaggio in centro storico hanno chiamato il 113 raccontando di essere state avvicinate in un primo momento da un gruppetto di cinque ragazzini che avrebbero chiesto loro se avevano una sigaretta. Al loro rifiuto i giovani li hanno aggrediti, aiutati da altri 15 amici che sono arrivati pochi istanti dopo. Avrebbero iniziato con pugni e calci, dopodiché avrebbero lanciato bottiglie e usato anche i vetri rotti.

Indagini

Quattro delle cinque vittime (tre ragazze e due ragazzi) sono finite al pronto soccorso e sono state dimesse con prognosi di una settimana, 15 giorni e uno di loro di ben 40 giorni. Le volanti della polizia sono intervenute sul luogo dell'aggressione ma i baby bulli si erano già dileguati. Gli agenti del commissariato San Marco hanno avviato un'indagine per identificarli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Epilessia: anche nel distretto di Mirano-Dolo c’è una risposta a questa malattia neurologica

  • Auto esce di strada e finisce contro un platano, morta una 38enne

  • Apre il nuovo supermercato Aldi di Mestre

  • Controlli a tappeto nel Veneziano, quattro arresti

  • Fermato con la cocaina, in casa un arsenale di armi e esplosivo al plastico

  • Volo dell’Angelo 2020, Venezia è pronta

Torna su
VeneziaToday è in caricamento