Aggredisce mamma e fratello e si barrica in camera. Ha un arsenale: denunciato

Un 28enne venerdì ha seminato il panico in un appartamento a Castello. Aveva anche droga

Le armi sequestrate

Prima ha malmenato la mamma e il fratello e poi si è barricato in camera da letto, minacciando di usare le armi che aveva. Un vero e proprio arsenale composto di coltelli, asce, pugnali, maceti, oltre a un fucile ad aria compressa da softair. I carabinieri hanno denunciato un 28enne veneziano, L.A., che venerdì ha seminato il panico in una palazzina nel sestiere di Castello a Venezia. 

La lite e l'aggressione

Tutto è cominciato con una discussione tra il giovane, la mamma e il fratello. Una lite per motivi economici che è degenerata nella violenza, quando il 28enne ha alzato le mani contro i familiari (finiti all'ospedale con prognosi di tre e sette giorni). Gli operatori del 118 arrivati sul posto hanno trovato L.A. in stato di forte agitazione. Si è chiuso nella sua sua stanza minacciando di usare le armi che deteneva. Il personale del Suem ha chiamato in supporto i carabinieri, che hanno raggiunto l'appartamento con diverse pattuglie dalla stazione di Castello, dal nucleo natanti e della Sos, la squadra antiterrorismo. 

Droga e armi

Visto l'imponente dispiegamento di forze dell'ordine, il ragazzo ha deciso di desistere uscendo dalla camera disarmato. Visto quanto accaduto, è stato accompagnato all'ospedale Civile di Venezia nel reparto di psichiatria. I militari, perquisendo la sua stanza, hanno trovato tutte le armi, oltre a 60 grammi di marijuana in due barattoili, e le hanno sequestrate. Il giovane è stato denunciato. 

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

  • 5 consigli per favorire il benessere intestinale

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento