Picchia un dipendente delle ferrovie, due settimane dopo è di nuovo "al lavoro"

Il portabagagli abusivo si aggira indisturbato alla stazione di Mestre pochi giorni dopo l'arresto. Aveva aggredito un operatore Fs che gli aveva chiesto di allontanarsi

Pochi giorni, ed è di nuovo lì. Eppure il reato di cui si era reso protagonista era grave: aveva picchiato brutalmente un operatore di vigilanza delle ferrovie dopo che quest'ultimo, insieme ad un collega, gli aveva chiesto di allontanarsi dalla stazione di Mestre. Gli aveva assestato un pugno al volto e poi, quando il dipendente Fs era crollato a terra, lo aveva preso a calci. Dopodiché c'era stato l'arresto, il processo per direttissima e la condanna a sei mesi con la sospensione condizionale, come previsto dal codice penale.

Appena due settimane dopo, però, è stato visto di nuovo in giro, tanto che Fs ha diffuso una nota per denunciare il fatto ed "esprimere perplessità sulla vicenda": "Si aggira nuovamente indisturbato nella stazione di Mestre il cittadino romeno che il 26 luglio scorso aveva aggredito e mandato all’ospedale, con una prognosi di 5 giorni, un agente di protezione aziendale di Rete Ferroviaria Italiana. È tornato a svolgere l’attività di portabagagli abusivo e importunare i viaggiatori come se nulla fosse".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La "colpa" della vittima della violenza era quella di aver cercato di interrompere il "lavoro" dell'aggressore, ben conosciuto per la sua attività di portabagagli abusivo: uno di quei personaggi che spesso si appropriano senza permesso dei bagagli dei viaggiatori e li trasportano fuori dalla stazione, pretendendo poi un compenso per il "servizio" reso. L'uomo sarebbe stato nuovamente avvistato giovedì nel sottopasso pedonale da un addetto alla vigilanza privata, che ha subito lanciato l'allarme. A quel punto il malvivente se l'è data a gambe. Possibile che ora, prima di tornare in azione, aspetterà che si calmino le acque. Oppure che si dedichi alla sua attività illegale in altre stazioni ferroviarie del Veneto, come a Padova o a Treviso, dove pare sia già stato segnalato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Tuffo nell'acqua bassa a Jesolo, un ragazzo all'ospedale

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

  • Schianto tra due auto, morta un'anziana donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento