Bibione sempre più ciclabile: una nuova pista su via Baseleghe

Il progetto è stato approvato dalla giunta comunale. Opera complessiva da 6 milioni, il primo stralcio ne costerà 3,5. Sarà realizzata anche una nuova condotta di acquedotto

La pista ciclabile sul Tagliamento

Il costo complessivo sarà di circa 6 milioni di euro. La giunta comunale di Bibione ha approvato il progetto del primo stralcio di una nuova pista ciclabile che interesserà Bibione dall'incrocio tra via Baseleghe e via Egeria fino all'intersezione con via Brenta. Nello specifico, per questa prima parte di intervento saranno investiti 3,5 milioni.

Riqualificazione di via Baseleghe

Con questo intervento l’amministrazione comunale intende riqualificare l’arteria stradale di via Baseleghe, prevedendo la separazione del flusso veicolare a motore da quello ciclo-pedonale. Un intervento che porterà al completamento di tutta la ciclabilità nel lato nord della cittadina e che porterà anche alla realizzazione di una nuova condotta di acquedotto per il potenziamento del sistema idrico della località balneare. Intervento, questo, a carico della Livenza Tagliamento Acque, che investirà un milione e mezzo di euro.

«Opera fondamentale»

«Si tratta di un’opera fondamentale per "cintare" tutta la località di Bibione all’interno delle piste ciclabili, - ha spiegato il sindaco Pasqualino Codognotto - mettendo in sicurezza via Baseleghe con impianto di pubblica illuminazione. A lavori conclusi verrà predisposto il collegamento tra questa pista ciclabile e le altre di via Orsa Maggiore nonché quella del lungomare. Oggi il nostro territorio comprende ben 80 chilometri di piste ciclabili, tra le quali quella molto suggestiva e frequentata tutto l’anno posta sull’argine del fiume Tagliamento. Non dimentichiamo che a Bibione durante il periodo estivo circolano quotidianamente circa 15mila bici».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

Torna su
VeneziaToday è in caricamento