Ultimo tratto di pista ciclabile da via Fausta al ponte verso Jesolo, martedì partite le ruspe

Un’opera che verrà realizzata in 4 mesi e con una spesa di 1,2 milioni di euro cofinanziati a metà tra Città metropolitana e Comune di Cavallino-Treporti

Foto: Le istituzioni in via Fausta martedì

Hanno preso il via martedì mattina davanti al cimitero di Cavallino i lavori per la realizzazione del tratto di pista ciclopedonale che consentirà di completare il collegamento della via Fausta con il cavalcavia che conduce al Comune di Jesolo, superando il fiume Sile. L’opera è co-finanziata dalla Città metropolitana e dal Comune di Cavallino-Treporti. Un’opera che verrà realizzata in 4 mesi di lavori e con una spesa di 1,2 milioni di euro.

Le istituzioni

Presenti all’avvio dei lavori il consigliere delegato della Città metropolitana Saverio Centenaro, il sindaco del Comune di Cavallino-Treporti Roberta Nesto, la ditta appaltatrice dei lavori Tridello Genny, il direttore dei lavori Rossella Guerrato e i tecnici comunali. «La Città metropolitana ha deciso di investire 600 mila euro assieme al Comune di Cavallino-Treporti per il tratto di pista ciclopedonale che va dal cimitero di Cavallino fino al cavalcavia che porta a Jesolo, per completare una via di comunicazione divenuta ormai fondamentale per i cittadini residenti ma anche per i turisti – spiega Saverio Centenaro, consigliere delegato metropolitano –. I recenti decreti hanno dato il via libera per il completamento della ciclabile che collega Favaro e Dese e del finanziamento di tre lotti che consentiranno ai unire la Riviera del Brenta a Jesolo e quindi Cavallino in unico percorso transitando per Ca’ Sabbioni, Parco San Giuliano, Marcon e Quarto d’Altino».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'opera

Il tratto di pista ciclopedonale in questione fa parte di un secondo stralcio di intervento e rispetto alla sezione esistente, il percorso ciclabile viene ricavato oltre l’alberatura a ciglio strada, sulla attuale sede del fosso di guardia, e prevede la realizzazione di una aiuola verde di protezione e di separazione, lungo la fascia occupata dagli alberi, tra la sede stradale e la sede ciclabile. Il percorso sarà lungo 700 metri e la pista avrà una larghezza di 2,50 metri. «L’opera è stata realizzata condividendo un percorso comune sia dal punto di vista politico che progettuale – ha aggiunto Roberta Nesto, sindaco del Comune di Cavallino-Treporti –. La realizzazione di questo tratto risulta fondamentale non solo perché ci unisce  agli altri comuni della costa, ma anche e soprattutto per i nostri cittadini. Si tratta di un completamento importante per il nostro territorio comunale che ha in via Fausta la sua arteria principale di collegamento». A causa dei lavori del nuovo tratto di ciclabile in prossimità del ponte sul fiume Sile si prevede di adeguare e riposizionare l’attuale fermata del bus nella direttice Jesolo-Cavallino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Controlli più restrittivi su chi torna da fuori Europa: la nuova ordinanza regionale

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento