Crepe, ruggine e gradini rotti. Il Ponte di Calatrava perde pezzi

L'immagine è davvero preoccupante, basta una passeggiata con occhio attento per rendersene conto. E intanto l'ovovia è ancora fuori servizio

Crepe, ruggine e gradini rotti: si sbriciola il Ponte di Calatrava, continua a perdere pezzi quello che avrebbe dovuto essere un gioiello e invece continua a suscitare proteste e malumori. Come riporta Il Gazzettino, basta fare una passeggiata con l’occhio attento per rendersene conto: in alcune zone i masegni non ci sono più, sostituti dalla malta, e più di un angolo risulta sbeccato. Per non parlare delle crepe e della ruggine, in moltissimi punti.

Un altro problema più volte rimarcato dai veneziani è quello della sporcizia. E’ ovunque, sui gradini e ai piedi del ponte. Ma anche all’interno dell’ovovia, fuori servizio, si accumulano polvere, sporcizia e ovviamente ruggine.

Quello dell’ovovia che non funziona è uno scandalo che ha fatto il giro del mondo, ora forse il problema si sta avviando alla soluzione. Il Comune ha da poco incaricato una ditta specializzata di studiare la soluzione dei due ascensori di supporto. Ma, a sei anni dalla sua apertura, il Ponte della Costituzione non offre affatto una bella immagine di sé.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Moda e calzature in ginocchio

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento