venerdì, 25 luglio 21℃

Portogruaro, sequestrato centro di scommesse clandestine in pieno centro

Le Fiamme Gialle hanno sorpreso il gestore del centro Snai nel complesso "Domus Viva", zona ospedale, che accettava puntate da due minorenni. L'esercizio era privo di autorizzazioni e concessioni

La redazione 3 febbraio 2012

Scommettevano tutti, anche minorenni. La guardia di finanza di Portogruaro ha sequestrato un lussuoso centro scommesse abusivo nel centro della città veneziana, in zona ospedale, gestito da una società di Napoli. I finanzieri hanno sorpreso il titolare mentre accettava le "giocate" anche da due minorenni.

L'operazione è stata condotta nei confronti di un grande esercizio Snai aperto al pubblico, che operava, in maniera del tutto abusiva, nei settori della raccolta fisica e online di scommesse e della partecipazione via telematica a tornei di poker. L'esercizio commerciale è risultato privo sia della concessione dei Monopoli di Stato, sia della licenza dell'Autorità di pubblica sicurezza.

Al momento del blitz, le Fiamme Gialle hanno sorpreso il gestore del centro intento ad accettare le scommesse di numerosi clienti. La perquisizione dei locali ha confermato che all'interno dell'esercizio venivano regolarmente effettuate puntate online su eventi sportivi nazionali ed esteri attraverso l'utilizzo di un bookmaker operante su un sito di nazionalità maltese, anch'esso non autorizzato a operare in Italia.

Sono stati anche rinvenuti i prospetti riepilogativi delle giocate eseguite, estratti dal cosiddetto "conto madre", mediante il quale venivano accettate le giocate da parte degli scommettitori e alimentati i singoli "conti - gioco" online dei clienti. All'interno del locale erano presenti anche 10 postazioni attraverso le quali gli avventori potevano partecipare a tornei di poker online, utilizzando le credenziali fornite dal titolare del centro scommesse.

Annuncio promozionale

Portogruaro
Finanza
scommesse

Commenti