Poste di Tessera, passa il piano per 143 esuberi: andranno a Padova

Il centro meccanizzato sarà totalmente ridimensionato come era previsto: altri 105 lavoratori saranno re-inseriti in altri settori aziendali, dai call center agli sportelli delle varie filiali

Ancora esuberi per il centro di Tessera delle Poste italiane. In 143 saranno costretti ad andare a lavorare alla sede di Padova, che sarà potenziata, mentre altri 105, tra cui molti postini, saranno reimpiegati in altri settori del Gruppo. Ad annunciare il cambio di direzione per Tessera, dopo l'allarme di qualche mese fa, sono i sindacati. La Uil Poste è statat l'unica sigla a non sottoscrivere l'accordo nazionale con Poste italiane: secondo i rappresentanti dei lavoratori la chiara decisione di tagliare il personale senza, nel contempo, innovare si sterebbe rivelando in tuta la sua drammaticità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Del piano di riduzione studiato dal management di Poste sarebbero 235 gli esuberi su Venezia, dei 430 totali. La soluzione, per ora, è quella di ampliare il lavoro dei postini esistenti, allargando la zona di competenza. I colleghi rimanenti dovrannoessere re-inseriti in altri ambiti lavorativi, all'interno dell'azienda: dagli sportelli ai call center.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti di oggi

Torna su
VeneziaToday è in caricamento