Tensione davanti alla Ilnor: danneggiata l'auto di un dirigente, giovedì incontro in Prefettura

Davanti allo stabilimento di Gardigiano di Scorzè presidio dei lavoratori mercoledì. Non vogliono far entrare i tir in fabbrica per raccogliere materiale lavorato: "Non cederemo"

Tensione nel primo pomeriggio di mercoledì davanti allo stabilimento Ilnor di Gardigiano di Scorzè. Tensione e attesa, perché i lavoratori si sono radunati davanti alla fabbrica di laminati prima dell'arrivo dei camion del gruppo Eredi Gnutti di Brescia, dove la proprietà ha deciso di trasferire tutta l'attività. A decine i lavoratori che ora rischiano di rimanere senza lavoro e che hanno preso posizione ai lati della Moglianese per evitare che i mezzi pesanti potessero insinuarsi nell'area dello stabilimento. Giovedì mattina ci sarà l'incontro in Prefettura a Venezia, convocati lavoratori, gruppo dirigente e sindacati, nella speranza di trovare un via d'uscita alla situazione di stallo. I camion nel frattempo arrivati da Brescia sono ripartiti allontanandosi verso le 17 dall'ingresso dello stabilimento.

In magazzino, infatti, ci sono dei lavorati finiti che dovrebbero essere prelevati e portati alla casa madre per essere consegnati a clienti. "La necessità del Gruppo ci è stata comunicata martedì durante un incontro con questore e prefetto - dichiara Cristian Modesto, Rsu della Fiom Cgil - Rimaniamo in presidio davanti allo stabilimento giorno e notte finché non saranno trovate soluzioni alternative. Vogliamo trovare un accordo diverso rispetto alla situazione vigente".

PARLANO IL RAPPRESENTANTE FIOM E IL SINDACO MESTRINER

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al fianco dei dipendenti Ilnor anche il sindaco di Scorzè, Giovanni Battista Mestriner: "Ci sono due piani diversi - spiega - uno è quello della trattativa sindacale, che verrà affrontato il 18 maggio, poi c'è la necessità della Eredi Gnutti di prelevare del prodotto finito in fabbrica. A questi lavoratori non è stata ancora pagata la cassa integrazione. Speriamo - ha concluso - nella ragionevolezza da parte di tutti". Si chiama in causa il prefetto, Carlo Boffi: "Il livello di trattativa che noi avevamo proposto sembra ad oggi non essere accolto dall'azienda - ha spiegato ai dipendenti Antonio Silvestri, della Fiom - Noi ribadiamo che rimaniamo qui e il camion non entra. L'unica condizione per riprendere la trattativa, cosa che al momento escludo, è il tentativo di mediazione davanti al prefetto". A poca distanza dall'ingresso dello stabilimento l'auto di un addetto all'inventario ha subito un danneggiamento: gli pneumatici sono stati bucati. I lavoratori non ne sanno nulla ma in segno di solidarietà si sarebbero resi disponibili a pagare la riparazione dei danni. Sul posto anche polizia, carabinieri e polizia locale. La situazione di stallo è continuata a lungo.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Controlli più restrittivi su chi torna da fuori Europa: la nuova ordinanza regionale

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento