Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Non possiamo più aspettare». Il primo maggio dei commercianti con i cartelli a Spinea

Il sindaco Vesnaver: «Servono regole chiare per lavorare in sicurezza. Il lavoro è dignità e serenità. No ai sogni dei nostri giovani nascosti dietro a una mascherina»

 

Municipio di Spinea, ore 12 del primo del maggio, festa del lavoro. I cartelli dei commercianti, che si sono ritrovati davanti al Municipio, vengono alzati verso il cielo e il tintinnio delle chiavi dei loro negozi scandisce la protesta degli esercenti che qui, come in tutti i Comuni del Miranese, ha visto cartelli e flash mob contro la «serrata» decretata dal governo Conte per l'emergenza Covid-19. Proteste anche a Venezia oggi, e lunedì si ricomincia con un ritrovo di varie categorie alla stazione dei treni del capoluogo, per far sentire forte e chiaro che le loro aspettative sulle date delle riaperture sono state deluse, e che non intendono più, dopo oltre due mesi, restare ferme e rispettose. «O si riapre adesso o mai più, spiega nel video il titolare di un negozio di calzature a Spinea. «Se aiuti ci devono essere, spiega, siano a fondo perduto. Non si faccia in modo che le imprese si indebitino, come fosse loro la responsabilità di tutto quello accade». Il sindaco di Spinea Martina Vesnaver è in strada, tutti indossano ordinatamente mascherina e guanti. L'importante è evitare di assembrarsi. Manifestare senza aggregarsi però, è difficile.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento