Punta Sabbioni, 58enne non ce la fa più e si spara un colpo in testa

Il gesto estremo della donna la mattina del 12 gennaio, nella camera da letto della sua casa. Ricoverata all'ospedale di Mestre, il pomeriggio del 13 gennaio il suo cuore ha smesso di battere

Aggiornamento: non ce l'ha fatta la 58enne di Punta Sabbioni che mercoledì 12 gennaio ha tentato di togliersi la vita con un colpo di pistola nella sua casa. Ieri pomeriggio è deceduta nel reparto di rianimazione dell'ospedale Dell'Angelo dove era stata ricoverata d'urgenza.

--------

Stava passando un difficile periodo di depressione. La mattina del 12 gennaio una 58enne di Punta Sabbioni ha preso il revolver del marito e si è sparata un colpo in testa. Nella loro camera da letto. L'uomo, che stava uscendo di casa, sentendo il rumore è rientrato subito e si è trovato davanti ua na scena agghiacciante.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul posto sono intervenuti i volontari della Croce Verde, in attesa che l'elicottero del Suem atterrasse per trasportare la donna all'ospedale Dell'Angelo, dove è arrivata verso le dieci di mattina. La donna è poi stata operata e ora si trova ricoverata in prognosi riservata nel reparto di rianimazione. I carabinieri della stazione di Cavallino-Treporti stanno indagando sulle motivazioni che possono aver spinto a questo gesto estremo. La 58enne, che col marito conduce un'attività commerciale, ha lasciato un bigliettino di scuse sul comodino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

Torna su
VeneziaToday è in caricamento