Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Come cambia il quartiere Piave: i commenti dopo l'ultima operazione antidroga VIDEO

Cittadini a confronto sulla sicurezza, tema caldo della zona attorno alla stazione di Mestre. Che aria tira dopo l'arrivo dei carabinieri?

 

Residenti e commercianti hanno commentato l'aria che si respira, dopo l'operazione dei carabinieri contro lo spaccio di lunedì, e dopo la retata della polizia a luglio scorso, con decine di arresti e lo smantellamento della banda criminale di nazionalità nigeriana che aveva assunto il controllo dello smercio di droga sul territorio. «Si respira un po' di tranquillità - affermano gli esercenti -, ma per molti i tempi in cui si poteva passeggiare anche di sera in sicurezza, in via Piave o in via Monte San Michele, appaiono lontani». «Bene la presenza di polizia di Stato, polizia locale, carabinieri ed esercito - dicono tutti - ma mentre per molti il clima sembra più accettabile rispetto a qualche tempo fa, per altri «non è ancora sufficiente a sradicare la malavita organizzata in zona. È probabile che i gruppi che sono stati allontanati oggi vengano sostituiti da altri. Non si può abbassare la guardia perché l'area qui è un po' particolare».

Potrebbe Interessarti

  • Scontro fra mezzo di linea Actv e taxi acqueo, due contusi

  • Marito e moglie cadono sugli scogli e si feriscono: «Niente paura, è un'esercitazione dell'Ulss3»

  • A bordo di un taxi acqueo dopo l'ordinanza sul traffico lagunare | VIDEO

  • Alloggi pubblici, Lanzarin: «No passo indietro sugli affitti. Sì a correttivi per anziani con risparmi»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento