menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Giocano a chi si insulta di più, 44enne picchia un ragazzo e sfregia la madre

E' successo poco dopo mezzanotte in via Alga a Chioggia. Il 14enne viene aggredito dall'uomo, che poi ferisce al naso con un pugnale la madre del giovane accorsa per fermare la rissa

Il pugnale sequestrato all'arrestato

Un gioco d'estate scappato di mano che poteva finire in tragedia. Il "gioco" consisteva nell'insultarsi a vicenda, per vedere chi la sparava più grossa. Un 14enne di Chioggia, però, poco prima della mezzanotte e mezza, deve aver toccato qualche argomento "sensibile" nei confronti di A.M., 44enne regolare di origini marocchine con qualche piccolo precedente. Per tutta risposta, infatti, l'uomo ha iniziato a picchiare selvaggiamente il giovane con calci e pugni e ha tentato di aggredire un altro ragazzo accorso in difesa del primo in via Alga. La rabbia aveva offuscato la mente dell'uomo, che, lungi dal fermarsi, è entrato in casa e ha preso un pugnale dalla lama lunga una trentina di centimetri.

La madre del 14enne, accorsa sul pianerottolo per il trambusto, ha capito quanto stava accadendo e ha tentato di fermare il 44enne afferrandolo per un braccio. L'uomo, divincolandosi, sorpreso dalla reazione della donna, l'ha colpita con l'arma dal taglio al naso, causandole un profondo taglio e un'estesa emorragia. A quel punto sono intervenuti in soccorso alcuni vicini, attirati dalle grida della madre. L'aggressore, vista la malparata, si è quindi chiuso nell'abitazione in cui vive con la famiglia fino all'arrivo della polizia.

A.M. è finito in manette con l'accusa di lesioni personali aggravate e continuate. Alla donna, accompagnata in ospedale, i sanitari hanno applicato diversi punti di sutura rilasciando una prognosi di dieci giorni. Il ragazzo invece, anche se in condizioni non preoccupati, è stato trattenuto in osservazione.

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      E' stata la volpe. Il responso degli esami sugli animali morti: "Ci sono solo ferite da morso"

    • Cronaca

      Ancora gravi le condizioni di Maria Teresa, Bellemo viene piantonato in ospedale

    • Cronaca

      "Sos Natura si ferma qui e forse non riaprirà più. Sono riusciti a bloccarci sul nascere"

    • Cronaca

      Minaccia di buttarsi dal cavalcavia sopra l'autostrada, donna "imbragata"

    Torna su