Prende la madre a pugni in faccia "Avevo visto i mostri in casa"

I carabinieri di Spinea sono piombati in un appartamento nel quartiere di Orgnano, un giovane è stato poi accompagnato al reparto di Psichiatria

Era già successo a settembre, è capitato nuovamente mercoledì sera. Un ragazzo poco più che ventenne è stato accompagnato in ospedale dai carabinieri per placarne la furia, prima che tutto degenerasse nel sangue. A settembre aveva impugnato un coltello da cucina minacciando di farsi del male, mercoledì sera è andato oltre: al culmine di un litigio con la madre, le ha sferrato due pugni in pieno volto. Come riporta Il Gazzettino, è stata proprio la madre a lanciare l’allarme.

E’ successo a mezzanotte in un appartamento di via Pirandello, i militari della stazione locale conoscono già bene la situazione e in passato erano stati informati sia il Centro Igiene Mentale dell’Ulss 13 sia i Servizi Sociali del Comune di Spinea. Il ragazzo infatti vive da solo con la madre e soffre di forti problemi psichiatrici.

E’ per questo motivo che i carabinieri l’hanno accompagnato prima all’ospedale di Mirano e poi al reparto di Psichiatria dell’ospedale di Dolo. “Ho visto i mostri in casa, ecco perché sono saltato addosso a mia madre” avrebbe spiegato il giovane per giustificare quel raptus di violenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Ristoratore arrestato: spacciava droga

  • Ciclista travolto e ucciso da un'auto

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, crollo a Ca' Pesaro

  • Auto in fosso: morto un 38enne, una donna estratta viva

Torna su
VeneziaToday è in caricamento