Abbandona razzi di segnalazione nella differenziata: "Sarebbero potuti esplodere"

L'uomo, un cittadino della terraferma, è stato sanzionato. Il pericolo che durante la triturazione dei rifiuti, i razzi si potessero incendiare, dando origine ad una reazione a catena

Multato un cittadino che ha buttato razzi di segnalazione scaduti in una campana della differenziata. Nei giorni scorsi è stato individuato, identificato e multato peri 167 euro, un uomo che aveva gettato alcuni razzi di segnalazione da barca scaduti in una campana di vetro plastica e lattine. Un gesto che avrebbe potuto avere ripercussione negative in fase di smaltimento.

"Rischio esplosione"

"È assolutamente vietato lasciare in strada o gettare tra i rifiuti, nei cassonetti o nei contenitori per la differenziata razzi, articoli pirotecnici e altri materiali esplosivi - ricorda Veritas - Si tratta, infatti, di prodotti che possono esplodere o incendiarsi: i rifiuti, una volta raccolti, sono triturati meccanicamente e questa operazione può provocare scintille, con evidenti e gravi conseguenze alle persone e alle cose. Inoltre, gli Ecocentri ed Ecomobili di Veritas non sono autorizzati a ritirare razzi e materiali esplosivi".

Lo smaltimento

"I venditori di articoli pirotecnici, razzi di segnalazione compresi, - continuano - hanno l’obbligo di ritirare gratuitamente i materiali scaduti o inutilizzati. Lo stabilisce il decreto del ministero dell’Ambiente 101/2016. L’articolo 4 dice infatti che 'Il distributore di articoli pirotecnici raccoglie gratuitamente quelli inutilizzati, scaduti o non più suscettibili di ulteriore uso per le finalità cui sono destinati e i rifiuti derivanti dal loro utilizzo, consegnati dall’utilizzatore".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cultura

    Si apre il Carnevale a San Marco, protagoniste le 12 Marie in corteo

  • Cronaca

    Vicini increduli dopo l'omicidio di Marghera: «Buone persone, lui premuroso» | VIDEO

  • Cronaca

    Violenza, minacce, attentati: «Siamo i Casalesi, devono avere paura di noi»

  • Cronaca

    Omicidio a Marghera: uccide la moglie a coltellate, poi si costituisce

I più letti della settimana

  • Pizzo, droga, prostituzione: come la camorra ha conquistato il Veneto orientale

  • Omicidio a Marghera: uccide la moglie a coltellate, poi si costituisce

  • Colpo alla camorra in Veneto, arrestato anche il sindaco di Eraclea. Sequestri per 10 milioni

  • Voti dalla camorra in cambio di favori: arrestato Mirco Mestre, sindaco di Eraclea

  • Venezia, chiuso il locale "Ai Biliardi" per disturbo della quiete pubblica

  • Incidente all'alba: morto un 19enne. Ferito un giovane di Scorzè

Torna su
VeneziaToday è in caricamento