Area metropolitana, in 9 anni redditi in calo del 2%. In flessione il numero dei contribuenti

I dati sono stati presentati dal Sole 24 Ore, sulla base di uno studio sui redditi degli italiani dal 2007 al 2016. Venezia superata in "classifica" da Padova, Treviso e Belluno

Redditi in calo nel Veneziano. Come riporta la Nuova, secondo un'indagine del Sole 24 Ore, tra il 2007 ed il 2016, nell'area metropolitana, e quindi in tutto il territorio dell'ex provincia, si è registrato un calo dell'1,99% negli stipendi dei contribuenti, con guadagni che si sono assestati sui 21.645 euro annui. Un dato che stanzia il Veneziano nella parte bassa della speciale "classifica", precedendo Padova, ma seguendo Verona, Vicenza e Treviso.

Nell'area metropolitana, inoltre, sono circa 613mila i contribuenti: anche qui c'è stata una flessione, con una diminuzione, rispetto al periodo pre-crisi, del 2,06%. Il reddito aggregato al 2016, invece, quindi sulla base delle sole dichiarazioni dei redditi dello scorso anno, ha fatto registrare una flessione di 4 punti percentuali. Un dato non certo positivo, che comunque non piazza Venezia agli ultimi posti (nonostante si trovi al fondo tra le province venete).

A livello nazionale, l'ex provincia a passarsela meglio è Bolzano, con un reditto procapite medio di circa 23mila euro e una crescita, negli ultmi 9 anni, di quattro punti percentuali. Fanalino di coda, invece, è Palermo, con 17.750 euro annui e una perdita del 4,5% tra il 2007 ed il 2016.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • L'acqua alta cancella anche la musica, sommersa la biblioteca del Conservatorio Benedetto Marcello

  • Investito da un camion, ciclista muore a Fiesso d'Artico

  • Cocaina fuori dal locale e in casa: coppia in manette a Mirano

  • Giovani investiti da un treno mentre camminano lungo i binari: lui grave

  • Portata nei bagni della discoteca e violentata, la denuncia di una 18enne

Torna su
VeneziaToday è in caricamento