Il Moro di Venezia II dopo il lifting torna in regata

L'imbarcazione tornata in acqua sabato, alla Salute, dopo il restauro. Parteciperà a Chioggia Vela, alla Barcolana triestina e alla Veleziana in laguna

Moro di Venezia II

Una giornata speciale per Venezia e per la vela, quella di sabato. Alle 17 alla Basilica della Salute è stato presentato ufficialmente il restauro del Moro di Venezia II, il secondo dei cinque scafi che hanno preso parte alla 28. edizione della America’s Cup, disputata a San Diego, negli Stati Uniti, nel maggio del 1992, che si concluse con la vittoria della Louis Vuitton Cup. Il progetto, voluto da Gianfranco Natali, imprenditore e socio della Compagna della Vela, è stata poi affidato a Pier Francesco Dal Bon che è diventato il comandante e avrà il compito di riportare il Moro di Venezia II sui campi di regata, per rinnovare quello che è stato un momento storico della vela italiana.

Storia e tradizione

All’evento ha partecipato il presidente della Compagnia della Vela Pier Vettor Grimani insieme ai rappresentanti del consiglio direttivo del club portacolori del Moro di Venezia. In rappresentanza dell’equipaggio del 1992 era presente Tommaso Chieffi. «Oggi ci troviamo per benedire una barca simbolo che ha fatto parte della storia sportiva e tradizione velica-marinara di Venezia e di tutta l’Italia - ha detto Grimani -. Sono certo che Raul Gardini e l'allora presidente Giulio Donatelli sarebbero felici di sapere che la Compagnia della Vela che, quasi 30 anni fa ha partecipato all’America’s Cup, è ancora unita e mantiene vivo lo spirito di un'avventura sportiva che ha segnato la storia del nostro Club.

Le gare

Il programma agonistico del Moro di Venezia II del 2019 prevede: la partecipazione, il 21 e 22 settembre, a Chioggia Vela, il Race del 4,5,6 ottobre: Porto Piccolo Maxi. Il 13 ottobre la 51esima Barcolana, il 19 la sesta Venice Hospitality Challenge e il 20 la 12. Veleziana. Anche l'assessore comunale Paolo Romor alla presentazione della ristrutturazione dell'imbarcazione, sabato. «Emozionante rivedere il Moro - ha commentato -  una barca mitica, che ha legato il nome di Venezia a una grande pagina dello sport italiano». Dopo la benedizione di fronte alla Salute la barca è stata a disposizione di tifosi, curiosi e appassionati che hanno potuto visitarla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto a 17 anni: sospetta overdose da psicofarmaci

  • Due casi di overdose in poche ore a Mestre, morto un 24enne

  • Tour fotografico nella ex Sirma, fabbrica abbandonata a Porto Marghera

  • Un bambino sparito dopo scuola è stato ritrovato dopo ore di ricerche

  • Il sindaco Brugnaro risponde alle polemiche di Celentano: «L'ho invitato qui»

  • Trovato il corpo senza vita di Paolo Tramontini

Torna su
VeneziaToday è in caricamento