Mirano, ricatta medico per 50mila euro col video hard omosessuale

Resterà in carcere la donna che, assieme al suo compagno, aveva chiesto soldi per non rendere pubblico un filmino. I due presunti estorsori si starebbero ora accusando a vicenda

Accusata di aver ricattato un medico con un video hard in concorso con il suo ex compagno. Nessuna attenuante per lei: resterà in carcere come ha disposto il Tribunale del riesame che ne ha respinto il ricorso. La donna, di origini romene, era stata arrestata un mese fa a Trieste perchè denunciata dalla sua presunta vittima, un  medico fisiatra del Miranese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un caso ingarbugliato, tuttavia, quello che si è presentato agli investigatori coordinati dal pm Angela Masiello: la vittima, che in passato aveva avuto problemi con la giustizia per reati sessuali, sarebbe ceduto inizialmente alle richieste della coppia di presunti estorsori. Per convincerlo sarebbe bastata la notizia di un video a luci rosse in cui il medico sarebbe comparso in compagnia di un altro uomo. Per non renderlo pubblico bastavano 50mila euro. Il ricatto sarebbe andato a segno ma solo per "qualche centinaio di euro", almeno così avrebbe assicurato il fisiatra ai carabinieri, chiamati in causa dopo le numerose insistenze. Le indagini sono state avviate con l'analisi dei tabulati telefonici che hanno portato all'arresto della donna. Dopo di lei, a stretto giro, sarebbe caduto nella rete l'ex compagno. Da lì sarebbe partito il ricatto: lui, secondo le accuse mosse dalla convivente, l'avrebbe costretta a ricattare il medico. Sempre lui sarebbe il protagonista del filmino hard con il medico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Ubriaco, picchia una ragazza e i carabinieri: neutralizzato con 2 dosi di sedativo

  • Auto fuori strada, morto un uomo

  • Lite finisce nel sangue: 37enne accoltella l'ex suocero

Torna su
VeneziaToday è in caricamento