Condannato in Moldavia, si nascondeva a Marghera: in manette

L'uomo si era reso responsabile nel proprio Paese di numerosi furti. Su di lui pendeva un mandato di ricerca internazionale

Impegnati in un controllo straordinario del territorio, i carabinieri del 4° battaglione hanno stretto le manette ai polsi a C.P., moldavo di 28 anni, ricercato a livello internazionale poiché accusato in madrepatria di numerosi furti. L'uomo, condannato dal tribunale di Soroca (Moldavia), è stato rintracciato dai militari nel corso del weekend in via della Pila a Marghera. Per lui è scattato l'arresto, in attesa dell'estradizione.

Alla guida ubriaco, patente ritirata

Un clodiense, invece, è stato denunciato all'autorità giudiziaria in quanto fermato alla guida in evidente stato di ubriachezza. L'uomo si sarebbe rifiutato di sottoporsi al test alcolimetrico, incorrendo anche nel ritiro della patente e nel sequestro del proprio veicolo. Due, invece, sono state le persone segnalate in prefettura come consumatori di stupefacente, in quanto trovate in possesso di modeste quantità di marijuana per uso personale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus nel Veneziano: è un 67enne di Mira

  • Coronavirus, i dati aggiornati

  • Aumentano i casi positivi al coronavirus: aggiornamenti

  • Coronavirus, inizia la settimana più lunga: gli aggiornamenti

  • L'ordinanza del ministero della Salute e del presidente della Regione Veneto

  • Hanno partecipato al Carnevale di Venezia: scatta la quarantena nel Salernitano

Torna su
VeneziaToday è in caricamento