Cittadini poco rispettosi: frigorifero, mobili e passeggino abbandonati in barcone Veritas

Circostanza ripetuta, che si verifica a Burano, nel natante ormeggiato a fine servizio in prossimità del cimitero dell'isola. Al vaglio le telecamere per individuare i colpevoli

Incivili e poco rispettosi dell'ambiente. Sono alcuni cittadini di Burano, che da tempo continuano ad abbandonare ogni tipo di rifiuti in una vbarca di Veritas, utlizzato per il trasbordo e il trasporto dei rifiuti sull'isola, e ormeggiata poi a fine servizio davani al cimitero dell'isola.

Cassone pieno di rifiuti

Nella giornata di domenica, in particolare, qualcuno ha riempito un cassone della barca con pannelli di cartongesso e legno, un passeggino, un frigorifero, giocattoli e mobili vari. Queste abitudini, oltre a essere espressamente vietate dalle norme e dai regolamenti vigenti in materia di rifiuti, possono compromettere la raccolta, perché spesso la chiatta è già piena prima di iniziare il servizio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Telecamere per scovare i furbetti

"In questa e in altre zone di Burano - ricordano da Veritas - sono presenti alcune telecamere e, grazie a queste, sarà probabilmente possibile risalire agli autori di questo e di altri abbandoni di rifiuti". Gli ispettori ambientali sono comunque al lavoro per individuare i trasgressori. Le sanzioni partono da 167 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Venti chilometri di sopraelevata per raggiungere Jesolo d'estate. Ok dal Cipe

  • Auto cappottata al casello Mestre-Villabona

  • «I pusher nigeriani si sono impadroniti di Marghera, gang pericolosissima»

  • Il ragazzo recuperato in acqua a Jesolo non ce l'ha fatta: è morto all'ospedale

Torna su
VeneziaToday è in caricamento